rotate-mobile
Cronaca

Presa la banda dei caselli autostradali: aveva messo a segno 4 colpi a Bologna

Conclusa l'operazione "Hammer 2": in manette tre uomini della banda del casello che aveva colpito anche il casello di Imola solo qualche giorno fa

Arrestati, dalla Polizia stradale del compartimento di Bologna e di Milano, tre cittadini rumeni responsabili di 28 rapine ai caselli autostradali italiani, fra cui il casello di Imola qualche giorno fa. I tre, Eugen P. di 28 anni, Ion P. di 40 anni e Adrian Iacob D. di 27 anni, sono stati fermati a Forlì - mentre stavano facendo colazione - dopo essersi resi protagonisti di una rapina, verso le 3.35 al casello di Lugo sulla A14 bis.

MODALITA' DI RAPINA. Con il volto coperto e armati di piccone e accette erano riusciti a impossessarsi di 4.500 euro. I rumeni fanno parte di una banda di 4-5 persone - si legge in una nota della Polizia che ha ribattezzato l'operazione 'Hammer 2' - tutte pregiudicate e con base tra Milano e Monza, protagoniste di una serie di colpi in diversi caselli delle autostrade di Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Abruzzo. La prima rapina risale al 20 aprile scorso al casello di Bergamo, sulla A4: da lì in poi 27 colpi (di cui 7 in Emilia-Romagna: 4 a Bologna, 1 a Riccione, 1 a Rimini Sud e 1 a Lugo) per un importo complessivo di circa 200.000 euro. Uno dei componenti del gruppo, Mityel Caprita di 25 anni è stato arrestato mercoledì alla stazione ferroviaria di Verona, raggiunto da un provvedimento di fermo per un episodio analogo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presa la banda dei caselli autostradali: aveva messo a segno 4 colpi a Bologna

BolognaToday è in caricamento