Anticipo cassa in deroga covid nel conto corrente, accordo con le Poste

Anche i correntisti di Poste Italiane potranno usufruire del sistema di accreditamento anticipato

Dopo l’accordo con le banche, arriva per i lavoratori dell’Emilia-Romagna la possibilità di incassare l’anticipo sulla cassa integrazione in deroga anche presso gli uffici postali.

E’ questo l’effetto dell’intesa tra Regione Emilia-Romagna e Poste italiane, che hanno siglato un apposito protocollo, a seguito dell'emergenza nazionale dovuta all’emergenza Covid-19.

L’intesa consentirà ai clienti titolari di conto corrente Bancoposta e di carta prepagata Postepay Evolution, con accredito dello stipendio su conti e carte relative, di poter accedere anche all'anticipazione degli strumenti di integrazione salariale, tra cui la Cassa integrazione in deroga gestita dalla Regione. Il protocollo è valido fino al 31 dicembre 2020.

“Con questo accordo- dichiara l’assessore regionale allo Sviluppo economico, Vincenzo Colla-, aggiungiamo l’ultimo tassello che ci permette di proteggere ulteriormente i lavoratori in attesa del pagamento degli ammortizzatori sociali da parte dell’Inps. Con Poste Italiane si completa la rete che abbiamo messo in campo con gli istituti di credito per non lasciare soli i cittadini rimasti a casa senza reddito a causa del lockdown”. 

Per l’applicazione del protocollo, le Poste verificheranno i dati dei beneficiari della Cassa integrazione in deroga raffrontandoli con quelli dei propri clienti, mentre la Regione garantirà l'accesso alle informazioni necessarie mettendo a disposizione l'elenco dei datori di lavoro autorizzati. Tale elenco verrà pubblicato sul sito dell'Agenzia regionale per il Lavoro dell'Emilia-Romagna. /CL

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Emilia-Romagna, bollettino covid 26 novembre: + 2157, 515 a Bologna. Calano i casi attivi

Torna su
BolognaToday è in caricamento