rotate-mobile
Cronaca Castel San Pietro Terme

Liti frequenti e schiamazzi: questore chiude il bar del paese

Già in passato lo stesso titolare aveva ricevuto tre provvedimenti analoghi

Altri 15 giorni di sospensione della licenza, per il bar del paese. E' quanto hanno notificato i Carabinieri di Castel San Pietro Terme su ordine del Questore di Bologna, al legale rappresentante del locale, un 70enne cittadino italiano, per la cattiva gestione del suo locale.

Troppe nel tempo le segnalazioni su frequenti liti e schiamazzi, oltre a frequentazioni di personaggi poco raccomandabili. Lo stesso locale -riporta l'Arma locale- aveva visto comminati dua altri analoghi provvedimenti sospensivi: 15 giorni di chiusura nel 2013, 50 giorni nel 2016 e 30 giorni nel 2020.

L’ultimo episodio è del 28 agosto scorso, quando i Carabinieri sono intervenuti a seguito di una lite violenta scoppiata tra due cittadini ubriachi, entrambi stranieri e irregolari sul territorio nazionale. Nella circostanza nessuna richiesta di intervento era stata inoltrata dal proprietario alle forze dell’ordine che tuttavia erano intervenute su richiesta di altri cittadini presenti.

Il Questore di Bologna, considerata l’ubicazione centrale del locale che si trova nel centro storico di Castel San Pietro Terme, una zona frequentata da una comunità “…non abituata ad affrontare tali criticità e che vive quotidianamente in una situazione di pericolo e insicurezza sotto il profilo dell’ordine pubblico…”, ha disposto la sospensione delle licenze che autorizzano la somministrazione di alimenti e bevande per 15 giorni a partire dal 10 ottobre 2022. Un analogo provvedimento è stato preso anche a Bologna per un bar di via Magazzari.

Risse tra ubriachi e spaccio di cocaina: il questore chiude il locale

Il Questore chiude il negozio Ororo di via Indipendenza

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liti frequenti e schiamazzi: questore chiude il bar del paese

BolognaToday è in caricamento