Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca Castel San Pietro Terme / Via Alessandro Manzoni

Tentato furto alla Polisportiva, preso 19enne: a incastrarlo il motore ancora caldo

Tre malviventi sono riusciti a entrare nella struttura di Castel San Pietro, oscurando i sensori d'allarme e scassinando una porta. I carabinieri hanno simulato un allontanamento

Nei guai un 19enne moldavo, domiciliato a Bologna, per tentato furto aggravato in concorso e possesso di grimaldelli.

Alle 2:30 di ieri notte, la centrale operativa del 112 di Imola ha ricevuto una segnalazione da parte del custode dell’Associazione Dilettantistica Polisportiva UISP di Castel San Pietro che riferiva a voce bassa di aver visto tre persone sospette all’interno del palazzetto. All’arrivo dei Carabinieri, i tre si sono allontanati a piedi attraversando il campo sportivo.

Durante il sopralluogo, i militari hanno rilevato che i tre malviventi erano riusciti a entrare nella struttura oscurando i sensori d’allarme e dopo aver danneggiato la porta di ferro dello spogliatoio avevano rovistato in giro senza prendere nulla. Il custode, che si trovava a dormire in una camera accanto allo spogliatoio, ha udito dei rumori, si è svegliato e li ha visti, ma, fortunatamente, non si sono accorti di lui.

FINTA DEI CARABINIERI. L’ispezione dei Carabinieri è proseguita all’esterno e un militare si è accorto che il motore di un’Audi A6, con targa dell’Est Europa, parcheggiata lungo la strada, era ancora caldo e vi era la probabilità che il veicolo fosse in uso ai tre che, impossibilitati a salire a bordo per la presenza dei militari, si trovavano ancora nei paraggi. Così gli investigatori di Castel San Piero Terme, dopo aver simulato un allontanamento dal luogo, si sono nascosti dietro una siepe in attesa dei tre predoni che, come previsto, sono arrivati dopo qualche minuto.

Il blitz è scattato ma a finire in manette è stato soltanto il 19enne perché gli altri due sono riusciti a fuggire. L’Audi A6, intestata al cugino del 19enne, è stata sequestrata e all’interno del vano porta oggetti è stato rinvenuto un attrezzo da scasso. Il giovane, incensurato, ha ammesso le proprie responsabilità. Questa mattina i Carabinieri lo hanno condotto nelle aule giudiziarie di Bologna per la celebrazione del rito direttissimo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentato furto alla Polisportiva, preso 19enne: a incastrarlo il motore ancora caldo
BolognaToday è in caricamento