Castiglione de Pepoli, festa di S. Giacomo: 'In canonica imparavamo a leggere e scrivere'

Le storie degli abitanti della piccola frazione nella giornata in cui tutti si sono sentiti famiglia

Non è mancata una lacrima che ha rigato il volto di chi ha ricordato quando in canonica si imparava a leggere e a scrivere.

Le storie dell'Appenino e degli abitanti di San Giacomo, piccola frazione di Castiglione dei Pepoli, tutte nella piccola chiesetta, in una giornata in cui tutti si sono sentiti famiglia. Un momento speciale, frutto dell' amicizia e della condivisione; in tanti hanno contribuito. Erano presenti in 100, riempiendo la piccola chiesa per celebrare la festa del patrono. 

Tutto a lucido per la festa dedicata al patrono, domenica 22 luglio, quando dopo la Santa Messa celebrata da don Giancarlo, che il 23 luglio festeggia i 50 anni di sacerdozio, si è vissuto un momento conviviale aperto a tutti. Tavoli imbanditi con bibite e torte preparate dalle famiglie della zona. Tavoli con giovani e persone con le tempie grigie e spazio ai loro racconti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

Torna su
BolognaToday è in caricamento