Covid, in piazza Maggiore la grande cena per ringraziare medici e infermieri

L'idea lanciata da Prodi qualche mese fa diventa realtà: il 2 settembre la serata spettacolo "Ripartire dopo il covid, storie di sport"

Un evento sotto le stelle per raccontare tante storie di sport con ospiti e personaggi legati alla città di Bologna e non solo. E per ringraziare il personale sanitario impegnato in questi mesi nell’emergenza Coronarivus, proseguendo la raccolta fondi in favore degli ospedali cittadini. Sarà Piazza Maggiore a ospitare mercoledì 2 settembre “Ripartire dopo il Covid, storie di sport”, l’iniziativa promossa dalla Regione Emilia-Romagna e dal Comune di Bologna. Una serata in cui lo sport sarà lo spunto per raccontare tante storie di impegno e di rinascita: protagoniste le eccellenze sportive e non solo di un territorio tenace e straordinario.

Una serata spettacolo dunque, ma anche di ringraziamento e di solidarietà, il cui ricavato sarà devoluto agli ospedali bolognesi. La cena placée accoglierà su prenotazione 400 persone nel rispetto delle regole di distanziamento e sicurezza. Dalle ore 12 di domani, martedì 11 agosto, i posti a tavola saranno prenotabili sul sito di Bologna Welcome ad un costo di 50 euro a persona. Una parte dei posti sarà riservata gratuitamente a medici e infermieri. Il progetto di beneficenza prevede che, coperte le spese vive per l'organizzazione della cena, i fondi raccolti verranno devoluti agli ospedali di Bologna.

"Lo sport è una continua ripartenza, ogni gara, ogni partita è un nuovo inizio in cui mettersi alla prova. Anche la comunità emiliano-romagnola, dopo i drammatici mesi dell’emergenza, si trova ora nelle condizione di ripartire e abbiamo pensato che non poteva esserci metafora migliore di quella sportiva per esprimere lo spirito con cui affrontare questo momento – sottolinea l’assessore regionale alle Politiche per la salute Raffaele Donini –. Non potevamo non accogliere la proposta lanciata da Romano Prodi, una proposta che ha molto a che fare con lo spirto di questa terra solidale e accogliente. Lo abbiamo fatto, organizzando questa serata nel cuore del capoluogo regionale, per rivolgerci ai cittadini bolognesi e idealmente a quelli di tutta l’Emilia-Romagna. Un modo per ritrovarci insieme come comunità, per esprimere ancora una volta il nostro grazie ai tanti medici, infermieri, personale sanitario che si sono prodigati per il bene comune e per lanciare a tutti un messaggio di fiducia e di speranza. Insieme possiamo farcela: più forti, più tenaci, ma anche più solidali e più uniti". 

"Il 2 settembre sarà una serata speciale, daremo un messaggio di ringraziamento e di accoglienza: da Piazza Maggiore al resto del mondo, Bologna c’è. C’è stata accanto alle persone nel culmine dell’emergenza grazie al lavoro di tanti e tante, c'è oggi che occorre ricostruire in modo intelligente un'economia territoriale - dichiara Matteo Lepore, assessore Cultura, turismo e promozione della città del Comune di Bologna - Ci troveremo in piazza per dire ‘grazie’ al personale sanitario impegnato nell'emergenza Covid, ma anche per stare vicini al mondo delle imprese e del lavoro che soffre in questa fase di emergenza. Sarà una serata sotto le stelle dedicata alle eccellenze dello sport, delle imprese e della gastronomia, dopo due mesi di cinema all'aperto che hanno illuminato il centro storico. Abbiamo lavorato affinché questo appuntamento fosse possibile e realizzato in piena sicurezza; così sarà. Ringrazio la Regione Emilia-Romagna, le associazioni di categoria e tutti i partner che hanno accettato di essere al nostro fianco nell’organizzazione. Infine, un ringraziamento va a Romano Prodi che per primo ha lanciato l’idea".

La serata, organizzata da Comune di Bologna e Regione Emilia-Romagna, ha il supporto di: Alleanza delle Cooperative, Ascom, Cia, CNA, Coldiretti, Confagricoltura, Confartigianato, Confesercenti, Unindustria Emilia. In caso di maltempo la serata di svolgerà a Palazzo Re Enzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +2723 contagi, 47 morti (25 a Bologna)

Torna su
BolognaToday è in caricamento