Cena anti-crisi sul Crescentone, Felicori: "Bella idea, ma ci vuole prudenza"

L'assessore alla cultura della giunta Bonaccini non chiude all'ipotesi ma precisa: "Non dovrà sembrare un liberi tutti"

"Una bella idea", dice Mauro Felicori. Una suggestione, avanzata nei giorni scorsi da Romano Prodi, che sposa le tradizioni della pianura e dell'Appennino dove si usa fare cene comunitarie. Ma se la si fa in formato maxi, e nientemeno che in piazza Maggiore nel cuore di Bologna, allora, segnala l'assessore regionale alla Cultura, la proposta di 'apparecchiare' il Crescentone diventa "un evento e una specie di sfida al virus".

Quindi "più grande la facciamo, più alto dev'essere il senso di responsabilita': dobbiamo stare attenti che la nostra comunicazione positiva di fiducia nel futuro non abbia come esito non voluto la sottovalutazione del tema dominante, che è quello della distanza per difenderci dal virus". Insomma, ben venga il 'cenone', o più d'uno, in piazza Maggiore, ma "non pensiamo che voglia dire diminuire le precauzioni" anti-contagio.

Spiega Felicori oggi dalle frequenze di Ciao Radio: "Stiamo riaprendo tutto: i musei, le scuole prima o poi spero... L'unica precauzione che dobbiamo tenere è mantenere le distanze" e questo deve valere anche per la "bella proposta" di cenare in piazza Maggiore.

Farlo sarà un "segno di riscossa, ma non pensiamo che voglia dire diminuire le precauzioni: dobbiamo evitare che l'autunno sia una specie di flagello" per il ritorno del covid-19.

Felicori assicura di essere favorevole alle riaperture e di non voler "spaventare nessuno", ma segnala "il pericolo che il messaggio venga frainteso", che un'iniziativa di "fiducia e speranza venga intesa" come un 'liberi tutti'; che passi l'idea "che tutto ricomincia come prima. Purtroppo no" e sarà così ancora "per un bel po'", avverte Felicori, dicendo anche che sarà necessario continuare a fare qualche sacrificio. Ma "in generale tutti i segni di ripresa sono segni importanti, anche quando fatti con sacrifici", aggiunge.

Poi Felicori condivide il ragionamento del collega Matteo Lepore, assessore comunale, sul fatto che la cena in piazza Maggiore richieda una "intesa tra tutti ristoratori e un clima di concordia". Poi è anche chiaro, rileva Felicori, che la rinascita non passa solo dalle tavolate in piazza Maggiore.

"La cultura tutta sta rinascendo e una una bella cena comunitaria ci sta. Pero'", per quanto sia ormai vero che "il cibo è cultura e ormai gli chef sono fra gli intellettuali più ascoltati, come anche i sommelier, la cultura non è tutto cibo", conclude l'assessore di Stefano Bonaccini. (Mac/ Dire)

Leggi anche:

Cena sul Crescentone: il Comune valuta l'idea 'matta' di Prodi

Estate effetto Covid, boom piscine da giardino: "Le abbiamo finite"

Welfare post Covid, Barigazzi: "Il sistema cambierà, studiamo risposte per la povertà"

Covid, familiari vittime in presidio in Regione: "Mia madre contagiata il 27 aprile, perché?"

Post-Covid, Bonaccini ai sindaci: "Cambiamo orari delle città, lavoro e trasporti in primis"

Contrasto al Covid con la tecnologia: si sviluppano sistemi hi-tech anti assembramenti

Covid, Fase 2: cosa si può fare dal 3 giugno, le novità

Analisi sull’andamento del Covid-19 in Emilia-Romagna nel mese di maggio

Turismo, più treni per la Riviera e rimborso spese per chi soggiorna in albergo

Fase 2, dehors temporanei e gratuiti: orari, zone e criteri. Tutte le novità

Coronavirus, anche la Regione apre alle cure al plasma

Scuola, protesta sul Crescentone: "Bambini dimenticati, riaprire in sicurezza" | VIDEO

Coronavirus, come è cambiata la nostra vita quotidiana: partecipa al sondaggio

Test sierologico: come funziona, dalla prenotazione all'esito | VIDEO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento