Centri estivi 0-3, sindacati bloccano Comune: "Pochi educatori"

Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl preoccupati per la sicurezza di lavoratori e bambini

Il Comune di Bologna ha annunciato di voler programmare tre settimane di attività estive a luglio per la fascia zero-tre anni, cioè per i bimbi tra i nove e i 36 mesi d'età. Ma i sindacati fanno subito capire di essere pronti a mettersi di traverso, giudicando "frettolosa" la comunicazione di Palazzo D'Accursio e annunciando la rapida convocazione del personale in assemblea.

L'annuncio "a mezzo stampa" del Comune è arrivato "a soli due giorni dall'ordinanza" della Regione Emilia-Romagna con le diposizioni in merito alle attività estive 0-3, si sottolinea nella nota firmata da Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl. "L'apertura non ci lascia per nulla sorpresi (siamo ormai abituati a decisioni estemporanee) bensì perplessi.

L'ordinanza del presidente della Regione - scrivono le sigle di categoria - individua rapporti numerici che già le nostre federazioni, parte attiva del tavolo di discussione regionale, hanno duramente criticato". Il rapporto numerico che prevede un educatore ogni cinque bambini "non è congruo rispetto a quanto contenuto nelle linee del Protocollo regionale per l'avvio delle attività estive", continua la nota, mentre "manca un protocollo sanitario con linee definite condivise tra ente, organizzazioni sindacali, Rls e medico competente". Infine, "appare alquanto frettoloso - attaccano Cgil, Cisl e Uil - enunciare l'intenzione di apertura senza aver avviato il confronto con la Rsu", che il Comune intende convocare la prossima settimana.

In questo contesto, "solleciteremo anche il tavolo sulla sicurezza della Città metropolitana per calendarizzare, a stretto giro, incontri al fine di produrre un protocollo idoneo che tenga conto del particolare segmento 9-36 mesi", è la mossa anticipata da Fp-Cgil, Cisl-Fp e Uil-Fpl.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La nostra preoccupazione - scrivono ancora le tre sigle di categoria- riguarda la sicurezza delle lavoratrici e lavoratori al pari dei bambini che fruiranno del servizio. La fretta è sempre cattiva consigliera per cui auspichiamo un confronto serrato e leale". E c'è già aria di mobilitazione. "Naturalmente convocheremo a breve un'assemblea di tutto il personale coinvolto", scrivono infatti i sindacati. (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento