menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, bar e ristoranti chiusi alle 18 in tutta l'Emilia Romagna. Nuove disposizioni anche per tassisti e sport

Anche eventi sportivi (e allenamenti) a porte chiuse permessi ai soli atleti professionisti, non più agli agonisti, in tutte le province. Lo prevede l’Ordinanza da poco firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini

Bar e ristoranti chiusi alle 18, dopo Bologna, il coprifuoco scatta in tutta la regione Emilia-Romagna. Quindi anche nelle province di  Ferrara, Ravenna e Forlì-Cesena, dopo che il Decreto governativo di ieri aveva già introdotto la misura restrittiva anti-coronavirus nelle altre cinque province della regione: Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Rimini.

Lo prevede l’Ordinanza da poco firmata dal presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

La nuova misura su attività di ristorazione e bar entra in vigore già da domani, 10 marzo, e fino al prossimo 3 aprile.

Durante l’apertura, resta l’obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione.

Nuova ordinanza coronavirus: stop anche a eventi sportivi e allenamenti

L’Ordinanza prevede l’estensione alle quattro province, e quindi la validità in tutto il territorio regionale, di una seconda misura. Quella relativa alla sospensione di eventi e competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, in luoghi pubblici o privati: sempre da domani, allenamenti compresi, saranno consentiti solo agli atleti professionisti e di categoria assoluta che partecipano ai giochi olimpici o a manifestazioni nazionali o internazionali, purché all'interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all'aperto senza la presenza di pubblico. In precedenza, tale possibilità nelle quattro province era concessa anche agli atleti agonisti.

Coronavirus, nuove regole per taxi e auto a noleggio con conducente

Infine, l’atto del presidente della Regione prevede che taxisti e autisti di mezzi a noleggio con conducente debbano indossare mascherina e guanti, e si raccomanda loro di eseguire con regolarità sanificazioni del veicolo. Quest’ultima misura sarà in vigore da mercoledì 11 marzo, per consentire loro di acquisire quanto necessario.

Nuovo decreto Conte: Italia unica zona 'arancione': scuole chiuse fino al 3 aprile ovunque e spostamenti consentiti con autocertificazione 

Intanto il governo estende le restrizioni delle 'zone arancioni' come la Lombardia, in tutta l'Italia. Il premier Giuseppe Conte ha appena fatto sapere che l"Italia è tutta in zona protetta: non ci saranno più singole zone rosse, ma per tutti gli spostamenti saranno possibili solo per necessità, per lavoro o per motivi sanitari (con autocertificaione). E, poi, divieto di aggregazione. Da qui il 'coprifuoco' ai locali di ristorazione dalle ore 18, come poco prima ordinato anche da Bonaccini. Si tratta di "norme più stringenti per tutelare la salute di tutti i cittadini", dice il premier che aggiuge che queste norme saranno contenute in un nuovo decreto che verrà pubblicato stasera in Gazzetta Ufficiale. Lle norme entreranno in vigore da domattina. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

L'Oroscopo di marzo segno per segno: ecco cosa prevedono gli astri

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento