Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ciclovia del Sole sull'ex ferrovia: taglio del nastro il 13 aprile

Il ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini, il sindaco Merola e il presidente della Regione, Bonaccini, inaugureranno il tratto. In questo modo la parte italiana della Ciclabile europea Eurovelo7 sarà di fatto percorribile da Bolzano a Bologna

 

Martedì 13 aprile 2021  il ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili Enrico Giovannini, il sindaco metropolitano Virginio Merola e il presidente della Regione Stefano Bonaccini, taglieranno il nastro della Ciclovia del Sole sull’ex tracciato ferroviario della Bologna-Verona. 

Siamo ormai alle ultime “finiture” che consentiranno di aprire – dopo circa due anni di cantiere (lockdown compreso) – il tratto Mirandola-Osteria Nuova (Sala Bolognese) della Ciclovia del Sole Verona-Bologna-Firenze che fa parte dell’Eurovelo 7 Capo Nord-Malta.  In queste settimane si stanno ultimando le piazzole di sosta (che saranno dotate di illuminazione, wi-fi, carica cellulare e e-bike, kit di riparazione, rastrelliere, acqua ecc.), la segnaletica e, in alcune tratte, la stesura del terzo strato di asfalto stabilizzato. 

Prima del 13 aprile verranno aperti al transito i singoli lotti man mano che avverrà la chiusura del cantiere. Il primo lotto ad aprire sarà quello da San Felice sul Panaro a Crevalcore nel mese di marzo.
Con la fine di questo importante cantiere (che ha visto la Città metropolitana di Bologna soggetto attuatore/stazione appaltante per la progettazione, espletamento della gara d’appalto nonché realizzazione e direzione lavori dell’opera) verrà aperto uno dei principali tratti mancanti della Ciclovia del Sole a nord del capoluogo emiliano: quello dal confine tra Emilia-Romagna e Lombardia fino alle porte della città di Bologna. 

In questo modo la parte italiana della Ciclabile europea Eurovelo7 sarà di fatto percorribile da Bolzano a Bologna mentre sono già finanziate e in parte realizzate alcune parti del tracciato Bologna-Firenze. Proprio a fine 2020 la Città metropolitana di Bologna ha ricevuto comunicazione del finanziamento di 4,5 milioni di euro dal Ministero dei Trasporti per progettare e realizzare il tratto Casalecchio-Marzabotto mentre è già finanziato e progettato quello Marzabotto-Silla (con 2,5 milioni di Fondi FSC all’interno del “Patto per Bologna metropolitana”).

Sempre all’interno dei finanziamenti di fine 2020 (fondi ministeriali per i cosiddetti lotti prioritari) 611.926 euro verranno dedicati alla riqualificazione di porzioni di Ciclovia nella tratta Mirandola-Sala Bolognese fuori dal rilevato ferroviario, che per il territorio metropolitano corrispondono agli attraversamenti dei centri abitati di Crevalcore, San Giovanni in Persiceto, Sala Bolognese e Calderara di Reno.

Ciclovia del Sole: sul cantiere dell'ex ferrovia Bologna-Verona\VIDEO 

Pronti anche logo, cartellonistica e immagine coordinata (prodotti da Città metropolitana in collaborazione con l’Agenzia Jack Blutharsky- Socialtrick) che – in accordo con le 4 Regioni coinvolte - verranno adottati per la comunicazione e la promozione di tutto tracciato Verona-Bologna-Firenze oltre a un sito dedicato che verrà messo on line in occasione dell’inaugurazione.

I numeri della Ciclovia del Sole 

Il progetto della Ciclovia del Sole Verona-Bologna-Firenze percorre 392 km (di cui 154 km in Emilia-Romagna e 120 km nella città metropolitana di Bologna), che si inseriscono in una delle più importanti ciclabili europee (Eurovelo 7 da Capo Nord a Malta per 7.400 km complessivi).

Tratta Mirandola-Osteria nuova sull’ex tracciato ferroviario Bologna-Verona
● lavori: primavera 2019-primavera 2021
● costo: 5 milioni di euro
● lunghezza complessiva: 46 km
● 8 comuni attraversati: Anzola dell’Emilia, Camposanto, Crevalcore, Mirandola, Sala Bolognese, San Felice sul Panaro, San Giovanni in Persiceto e Sant’Agata Bolognese (oltre 100.000 abitanti complessivi).

Il progetto è diviso in 5 tratti funzionali:
1. Sala Bolognese/Osteria Nuova-San Giovanni in Persiceto
2. San Giovanni in Persiceto-Crevalcore
3. Crevalcore-San Felice sul Panaro
4. San Felice sul Panaro-Mirandola
5. Mirandola-confine con la Regione Lombardia

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento