Cinema, la Regione sostiene 17 opere: c'è anche un film su Lucio Dalla

Più di 1,2 milioni di euro per 17 progetti cinematografici in Emilia-Romagna. La seconda finestra dei bandi il 1° luglio. L'assessore Felicori: "Un segnale importante per la ripresa delle attività, pronti a ripartire"

Pietro Marcello regista 'Lucio Dalla'

È di poche ore fa l'annuncio della seconda stagione in Emilia-Romagna della serie originale italiana Netflix “Summertime”, girata in Riviera, tra le opere sostenute dalla Regione con il Fondo audiovisivo regionale. E c'è anche un'opera televisiva su Lucio Dalla, Coliandro e un documentario sulla strage del 2 agosto. 

L'esito dei bandi per le produzioni nazionali e internazionali è stato presentato in videoconferenza dall'assessore regionale alla Cultura, Mauro Felicori, e Fabio Abagnato, Responsabile Emilia-Romagna Film Commission. In totale 17 opere di cui nove produzioni nazionali (quattro serie televisive, due lungometraggi e tre documentari) sostenute con 850mila euro e otto produzioni regionali (quattro documentari, due cortometraggi, una serie televisiva e un lungometraggio) finanziate con 350 mila euro. Oltre 1,2 milioni di euro e per la seconda finestra dei bandi – si aprirà il 1° luglio e sarà possibile candidare i progetti al contributo fino al 31 dello stesso mese— arriveranno tra gli 800mila e un milione di euro.

"Questa regione – ha detto l'assessore Felicori – è  prima per consumi culturali e deve diventare prima anche nella produzione di prodotti culturali. Nello scorso mandato sono state fatte molte cose intelligenti nelle filiere produttive delle arti, proprio nel cinema, che vanno in questa direzione: abbiamo una politica cinematografica che consiste nell’annaffiare e dare luce alle realtà produttive della regione".

"Questo sostegno è un segnale importante per imprese e maestranze del settore duramente colpite dall’emergenza legata al Covid-19. E al contempo un segnale con cui la Regione Emilia-Romagna auspica quanto prima la ripresa delle attività in sicurezza su tutto il territorio dopo mesi di fermo, andando incontro alle esigenze delle produzioni sui tempi di realizzazione dei progetti, velocità delle istruttorie e sulla rendicontazione degli stessi".

Si tratta infatti di opere che potranno partire o che sono già partite per le quali, vista l'emergenza sanitaria e il fermo set, è prevista una proroga della consegna di 10 mesi. Da fine 2021 si slitta all'anno successivo. Altro tema importante da risolvere è appunto quello delle polizze assicurative sui set, per lo sblocco e la ripartenza delle riprese. La firma del protocollo è attesa a breve così come un provvedimento nazionale a riguardo. L'Emilia-Romagna è pronta a ripartire.

Le opere 

Forte dei recenti successi delle produzioni sostenute finora, la Regione continua a investire attraverso il Fondo per l’Audiovisivo gestito dall’Emilia-Romagna Film Commission in produzioni di qualità, realizzate in parte o toto sul territorio regionale, promuovendo al contempo le maestranze del settore e offrendo visibilità alle location emiliano-romagnole. E grazie alle risorse aggiuntive messe a disposizione dalla Giunta regionale per il settore della cultura, anche il cinema potrà aumentare il budget inizialmente previsto per il 2020, in parte utilizzato già per questa call e in parte a disposizione per la seconda.

Si anticipa il ritorno di Cattleya in Riviera Adriatica per l’attesissima seconda stagione di Summertime, la serie originale italiana Netflix di successo ispirata all’opera letteraria “Tre metri sopra il cielo” di Federico Moccia. Palomar è invece nuovamente operativa a Reggio Emilia con un ambizioso progetto di animazione dedicato a Pinocchio, mentre Pupi Avati sarà alla regia di Lei mi parla ancora, ispirato all’omonimo libro di Giuseppe Sgarbi, padre di Elisabetta e Vittorio.

Si rinnova inoltre il rapporto tra L’Ispettore Coliandro, Bologna e i Manetti Bros, operativi in città e anche nel piacentino come produttori con l’originale commedia mistery Il mostro della cripta. I set coinvolgeranno infine altri luoghi situati in tutto il territorio regionale, come Modena, Ferrara e provincia, la bassa reggiana e la riviera romagnola.

L'Emilia-Romagna si conferma terra del documentario con quattro progetti sostenuti: le opere, spesso intrecciate con protagonisti e vicende del territorio, toccheranno tematiche legate al sociale, al terrorismo e al confronto tra culture. Tra queste segnaliamo l’arrivo in regione di Pietro Marcello alla regia dell’opera televisiva Lucio Dalla, della bolognese Ibc Movie e Il giocatore, opera prima del documentarista Marco Santarelli che esordisce con un lungometraggio prodotto da The Film Club di Simone Gattoni.

Quello di Pietro Marcello è un omaggio a Dalla attraverso il quale si fa un racconto dell'Italia dal dopoguerra agli anni '80 con teche rai e immagini storiche della Cineteca. "Si girerà tra luglio e settembre con personaggi storici bolognesi legati a Lucio – ha detto Anastasia Michelagnoli di Ibc Movie – sarà un film da un lato omaggio e da un lato racconto storico".

Le location individuate dalle produzioni sono al momento situate a Bologna e il suo Appennino, Reggio Emilia e provincia, Ferrara, Modena, Parma e province, il forlivese e Ravenna. I titoli ammessi al contributo sono stati selezionati da un nucleo di valutazione formato da Fabio Abagnato (responsabile Emilia-Romagna Film Commission), Guglielmo Pescatore (professore ordinario di Culture dell’intrattenimento e di Economia e Marketing dei media all’Università di Bologna), Barbara Busi (coordinatore e manager settore delle industrie culturali e creative di ART-ER - Bologna), che ha operato valutando la qualità e originalità del progetto, l’impatto economico e la valorizzazione territoriale, la sostenibilità finanziaria e la solidità produttiva, l’innovazione e la strategia di marketing.

La lista completa

Serie tv

• Summertime 2, la serie originale italiana Netflix diretta da Francesco Lagi, quest’anno affiancato da Marta Savina, e prodotta da Cattleya. Netflix rilancia le storie del gruppo di ragazzi già conosciuti nel corso della prima stagione, nelle atmosfere estive della riviera romagnola. Confermato il cast principale che ha conquistato il cuore del pubblico.

• Il villaggio incantato di Pinocchio, (Animazione), regia di Stéphane Mit, produzione Palomar. E vissero tutti felici e contenti ed ebbero tanti bambini... È la fine? Nient’affatto! Questo è solo l’inizio della storia di Pinocchio e del Villaggio Incantato.

• Nudes, regia di Elisa Amoruso, Davide Gentile, Cosimo Alemà, Bim Produzione. Remake italiano della serie norvegese "Nudes", che tratta il tema dell'esposizione e condivisione di foto di nudo tra adolescenti di una città di provincia.

• L'ispettore Coliandro il ritorno 4, regia di Antonio Manetti, Marco Manetti, Milena Cocozza, produzione Garbo. Nuova e attesa stagione della serie televisiva che segue le vicende dell'Ispettore Coliandro, in servizio alla questura di Bologna.

Lungometraggi

• Il mostro della cripta, regia di Daniele Misischia, produzione Mompracem e Vision Distribution. Il film è una storia avvincente che racconta il periodo di formazione di un gruppo di giovani e che mescola il mistero, la commedia, l’azione e l’horror ed è ambientata nel pieno dei fantastici anni ’80.

• Lei mi parla ancora, di Giuseppe Avati, produzione Bartleby film e DueA Film. Ispirato al libro omonimo di Giuseppe Sgarbi, il racconto di un matrimonio lungo una vita e della relazione che si crea tra lo scrittore ed il suo ghost writer.

Documentari

• Il codice di Bologna 1980-2020 di Paolo Angelini, produzione Kobalt Entertainment. E’ la storia della battaglia dell’Associazione familiari delle vittime della strage alla stazione di Bologna del 2 agosto 1980, combattuta a suoni di bit.

• I nomadi - una storia italiana, di Giangiacomo De Stefano, produzione Millstream Films and Media Limited. La storia dei Nomadi, della loro terra e dei cambiamenti socio culturali italiani dagli anni ‘60.

• La versione di Anita, di Luca Criscenti, produzione Land Comunicazioni srl - Racconto da una prospettiva inedita della vita di Anita Garibaldi, donna autonoma, indipendente, capace di scelte difficili e spesso scomode.

Bando regionale

Lungometraggi

• Lucio Dalla regia di Pietro Marcello, produzione Ibc Movie. Un viaggio visivo e sonoro nell'immaginario poetico e blasfemo del cantore bolognese, tra archivi e finzione.

• Il giocatore regia di Marco Santarelli, produzione The Film Club. Storia di Samad, un giovane che ha sbagliato e che ha già pagato col carcere i suoi errori, ma la vita lo mette di fronte a nuove scelte.

Cortometraggi

• Ada regia di Luca Magi, produzione Kiné. Dopo il poetico documentario “Storie del dormiveglia” ancora una storia “ai margini”: la relazione tra Ada, anziana signora che vive in strada, ed una giovane ragazza.

• Cicciolina Pocket regia di Claudio Casazza, produzione Ubaldo Giusti's Keep Digging Production. Quattro ragazzini, nei lontani anni ‘90, in un pomeriggio assolato d'estate, speso nella conquista del miraggio della pornografia tascabile. Riusciranno a soddisfare questa nuova ed eccitante ossessione?

Documentari

• The passengers, regia di Tommaso Valente e Christian Poli, produzione Kamera Film. Racconti di convivenze spesso conflittuali all’interno delle “Housing first”, da dove emerge il senso di una via possibile per il reinserimento sociale di una fascia di emarginati.

• After the bridge, regia di Davide Rizzo e Marzia Toscano, produzione Sayonara Film. Nella solitudine della sua casa e nella vita di tutti i giorni, una madre che ha perso un figlio jihadista, macchiatosi di un crimine terribile, tenta di ricucire il senso delle cose e di andare avanti.

• This is Bologna regia di Alvise Renzini e Lucio Apolito, produzione Opificio Ciclope. Racconto ad episodi di come una città cambia e quali siano gli stress che producono il cambiamento. L’evoluzione e le comunità che scompaiono e quelle che nascono.

• Guercino. Uno su cento, regia di Giulia Giapponesi, produzione Codalunga. Il primo film che racconta la storia di Guercino, il pittore che si commuoveva davanti ai quadri, e la storia di chi oggi si commuove davanti a Guercino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nicoletta Mantovani sposa il suo Alberto: "Matrimonio a Bologna, in una chiesa speciale per me"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, aumento contagi: +41, a Bologna 12

  • Schianto in tangenziale tra camion e auto: morto vigile del fuoco

  • Coronavirus, direttore Microbiologia Sant'Orsola: "Virus muta, autunno incerto"

  • Tir fermo in autostrada, camionista trovato morto

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +37 positivi, nel Bolognese 14

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento