rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Cinema Modernissimo da ristrutturare, senza esito anche la seconda gara d'appalto

Come la prima volta dieci imprese superano i criteri del comune, ma al momento dell'offerta non formalizza nessuna di queste

"Chiuderemo con una gara aggiudicata, siamo molto ottimisti". Ma i buoni auspici formulati in Consiglio dall'assessore ai Lavori pubblici del Comune di Bologna, Virginia Gieri, non sono bastati: fa flop anche il secondo tentativo di assegnare i lavori per la realizzazione dell'ingresso al nuovo cinema Modernissimo di piazza Re Enzo.

La prima gara (da 417.741 euro) era andata a vuoto più o meno un mese fa: su 34 manifestazioni di interesse ricevute, il Comune aveva sorteggiato dieci aziende ma nella fase successiva nessuna di questa aveva inviato proposte.

Palazzo D'Accursio ha quindi predisposto un secondo avviso, confermando sia il modello della procedura negoziata che l'offerta economicamente vantaggiosa, ma decidendo di lasciare "una maggiore liberta' agli operatori economici di proporre migliorie nel progetto esecutivo", ha spiegato Gieri in Consiglio a metà febbraio.

Per la Giunta c'erano quindi tutte le condizioni per recuperare "molto velocemente" il tempo perso con il fallimento della prima procedura, ma alla fine anche la seconda (con lo stesso importo) non è andata a buon fine. Anche in questo caso il Comune ha invitato alla procedura negoziata dieci operatori, dando loro tempo fino all'1 marzo per farsi avanti: ma entro quella scadenza "non è pervenuta alcuna offerta", scrivono gli uffici di Palazzo D'Accursio nel provvedimento con cui la gara è stata dichiarata deserta. (Pam/ Dire) 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema Modernissimo da ristrutturare, senza esito anche la seconda gara d'appalto

BolognaToday è in caricamento