Cinghiali, l'allarme della Coldiretti: "Situazione critica a Gaggio Montano e Lizzano in Belvedere"

La presidente Valentina Borghi: "Già prima dell’emergenza sanitaria questi selvatici rappresentavano una minaccia concreta per la cittadinanza, con oltre 1000 incidenti stradali causati ogni anno. I danni dei cinghiali in campagna superano i 150mila euro all’anno"

Foto archivio

A lanciare un nuovo allarme cinghiali è la Coldiretti, che punta l'attenzione sui numerodi danni alle colture in Appennino, soprattutto nei territori di Gaggio Montano e Lizzano in Belvedere. "Pervengono dai nostri associati diverse e reiterate segnalazioni di danni di notevole entità alle colture agricole da parte di ungulati , in particolar modo cinghiali. L’approssimarsi della stagione dei raccolti rende queste numerose segnalazioni particolarmente preoccupanti" è quanto si legge nella lettera che la Presidente di Coldiretti Bologna, Valentina Borghi, ha inviato alla Città Metropolitana di Bologna, Alla Polizia Provinciale e ai Presidenti degli ATC.

“Nella circolare del 20 marzo scorso la direzione generale caccia e pesca della Regione – fa sapere Coldiretti Bologna – lasciava intravedere la possibilità, da parte della Polizia Provinciale, di proseguire con i piani di controllo, in quanto configurabile come attività di servizio pubblico. Siamo consapevoli della delicatezza del momento che stiamo vivendo, ma, nel pieno rispetto di tutte le condizioni di sicurezza, auspichiamo che l’attività di controllo e contenimento di questa specie così impattante per le nostre aziende agricole venga messa in atto quanto prima. Se ciò non dovesse avvenire i raccolti dell’attuale annata verranno irrimediabilmente compromessi. Allo stesso modo si auspica una ripresa della caccia di selezione.”

E ancora: “Le zone che stanno subendo più danni – sottolinea la presidente la Borghi – sono quelle di Gaggio Montano e Lizzano in Belvedere. Già prima dell’emergenza sanitaria questi selvatici rappresentavano una minaccia concreta per la cittadinanza, con oltre 1000 incidenti stradali causati ogni anno. Inoltre i danni dei cinghiali in campagna superano i 150mila euro all’anno. A questo proposito chiediamo anche che non si interrompano le verifiche in loco da parte dei periti delle segnalazioni pervenute assieme all’attività imprescindibile di prevenzione, ovviamente e anche in questo caso nel massimo rispetto di tutte le precauzioni per la tutela della salute degli operatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento