menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rating pubblico "eccellente": Emilia-Romagna, prima tra le Regioni in Italia

Lo rileva la classifica Rating pubblici della Fondazione Etica  sulla valutazione qualitativa delle amministrazioni regionali italiane a Statuto ordinario

Svetta la Regione Emilia-Romagna, unica con una valutazione di “Excellent” e un punteggio di 85 su 100 per la propria capacità amministrativa, seguita dalla Lombardia con 76 e Toscana con 73. Punteggi che spiccano ancor più rispetto al valore medio italiano di 59,1. E' la classifica Rating pubblici della Fondazione Etica  sulla valutazione qualitativa delle amministrazioni regionali italiane a Statuto ordinario.

"Orgoglio e soddisfazione nel veder riconosciute in questo modo le scelte che stiamo facendo, che guardano al lavoro e allo sviluppo attraverso politiche efficienti e servizi di qualità; c’è anche il frutto della straordinaria professionalità e dell’impegno di tutti i dipendenti e collaboratori di questa Regione, che continua a esprimere eccellenze nelle professionalità interne. Mi piace pensare, dopo anni di dibattiti sterili sul 'modello emiliano' e 'la fine del modello emiliano', che questo sistema territoriale, fatto di persone e imprese, di associazioni e istituzioni, continui nel suo insieme a distinguersi - commenta il Presidente Stefano Bonaccini - Non è un primato, chiamiamolo così, che nasce appunto da una singola specificità, ma dall’insieme di tantissimi punti di eccellenza che si rafforzano a vicenda. Certo, in questo caso è anche il riconoscimento specifico dell’efficienza della nostra macchina regionale, in un Paese dove la pubblica amministrazione è viceversa percepita come inefficiente e sprecona; e la riprova della bontà della scelta che abbiamo compiuto, qui, di preservare la solidità dei conti pubblici e degli equilibri finanziari, in un Paese dove invece si discute anche in questi giorni di quanto nuovo debito fare”. 

“Si tratta di numeri- continua il presidente Bonaccini- che andranno analizzati, per capire meglio. Certo il nostro bilancio regionale è sano ma anche per questo può sostenere il nostro progetto di governo, fatto di crescita e lavoro, diritti e opportunità. I problemi non mancano certo anche in questa Regione: anche qui, dove pur cresciamo di più, ci sono imprese in forte difficoltà; anche qui, dove abbiamo il tasso di occupazione più alto, ci sono tantissimi giovani precari e lavoro povero; anche qui, dove la ricchezza è meglio distribuita, ci sono però più poveri che in passato. Se oggi possiamo aggredire i problemi e dare risposte sia a chi eccelle, ma soprattutto a chi è più in difficoltà, lo dobbiamo anche a una macchina pubblica di qualità e ad un bilancio sano. Viceversa, come accade per lo Stato, dovremmo fare debito e usare i soldi per pagare interessi anziché servizi. Io non sono un 'rigorista', credo anzi che la spesa pubblica sia una cosa preziosa perché ti permette di costruire uguaglianza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Superenalotto, la dea bendata bacia Vergato: centrato un '5'

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento