Via Santo Stefano, docente universitario massacrato di botte

A colpirlo, senza una ragione, un clochard olandese di 52 anni arrestato dai carabinieri per lesioni aggravate

Massacrato di botte senza una ragione mentre torna a casa. È successo ieri pomeriggio in centro, in via Santo Stefano, pieno centro. Vittima un professore universitario di Bologna, 69enne, che è stato violentemente aggredito da un clochard olandese di 52 anni, poi arrestato dai carabinieri per lesioni personali aggravate

Dalle testimonianze raccolte dai carabinieri, è emerso che l’aggressore, dopo aver incrociato il professore che stava tornando a casa, senza alcuna ragione, lo ha prima colpito al volto con due pugni, procurandogli uno shock iniziale e facendogli perdere i sensi, poi, quando il malcapitato è caduto a terra, ha continuato a colpirgli il capo ed il costato con estrema violenza. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il malvivente è stato rinchiuso in camera di sicurezza, in attesa di comparire in Tribunale per l’udienza di convalida dell’arresto, prevista per la giornata di domani.

Il docente universitario è stato trasportato d’urgenza al Pronto Soccorso del Policlinico Sant’Orsola-Malpighi per essere medicato e ricoverato a seguito delle numerose ferite riportate al volto, giudicate guaribili in 25 giorni.

Da ulteriori accertamenti è emerso che il senza tetto, nelle ultime due settimane, aveva commesso episodi di violenza gratuita anche a Udine e Pordenone, e per questo denunciato a piede libero. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scambia la moglie per un ladro e chiama i Carabinieri

  • Ubriaca sul davanzale, cade giù dal terzo piano

  • Scossa di terremoto nella notte, avvertita anche nell'Appennino bolognese

  • E' Natale, a spasso per Bologna: le vetrine più originali

  • Neve in arrivo, non solo in Appennino: "Fiocchi anche in collina e possibili sorprese in pianura"

  • Terremoto Toscana: riaperto traffico treni AV e regionali, ci sono ritardi

Torna su
BolognaToday è in caricamento