Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Cooperativa bolognese gestisce il verde a Foggia, ma rubano i macchinari: pronta a lasciare

La bolognese CNS si aggiudica l'appalto per la gestione del verde pubblico e l'impiego di 66 persone, ma a Foggia subisce un furto di attrezzature. Sarebbe pronta a ritirarsi

Ll'offerta del Consorzio Nazionale Servizi - CNS di Bologna aveva prevalso a fine maggio ed era così pronto a offrire servizi di manutenzione di parchi e giardini di Foggia: 58.000 il “monte ore” prospettato e un possibile impiego di 66 unità. Un sistema integrato per la cura e la valorizzazione di ottantuno ettari di verde pubblico, “uno dei patrimoni più grandi e articolati d’Italia” secondo Antonio Elveni, Capo Area Sud del Consorzio Nazionale Servizi, partito il 3 giugno.

FURTO. Dopo solo un mese, nella notte ignoti si sono introdotti all'interno della sede adibita a deposito, in via Motta della Regina, a Foggia, portando via attrezzature nuovissime per un valore di 20-25mila euro. Furto classico, segni dello scasso in un deposito da poco affittato e con le telecamere ancora da installare.

Il furto è avvenuto al deposito delle Tre fiammelle, la cooperativa che, tramite il consorzio bolognese CNS, si era aggiudicata l'appalto. Il presidente Michele D'Alba si era dichiarato: "Molto amareggiato, le attrezzature erano nuove di zecca, usate solo un giorno ... In tanti anni di lavoro non mi era mai capitato".
L'attrezzatura è stata ritrovata dopo circa una settimana e sequestrata dalla polizia, ma, secondo indiscrezioni, CNS potrebbe abbandonare.

CNS.  Con sede in via della Cooperazione a Bologna, si rivolge ai committenti pubblici e privati: acquisisce appalti e commesse di lavoro. Tra i servizi offferti: pulizia, ristorazione, ecologia, energia, logistica, servizi museali e gestione scommesse. Opera in tutta Italia con un fatturato di oltre 600 milioni nel 2012.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cooperativa bolognese gestisce il verde a Foggia, ma rubano i macchinari: pronta a lasciare

BolognaToday è in caricamento