Droghe, "parlano" le acque reflue: cosa dicono le rilevazioni in città

L'indagine consiste nell'analisi dei metaboliti urinari delle droghe d'abuso nei reflui urbani

Lo stupefacente più utilizzato in Italia e nell'Europa occidentale, oltre che in sud America, è la cocaina. Lo rivela lo studio a livello mondiale pubblicato su 'Addiction', il journal Usa sulle dipendenze. Lo riferisce AdnKronos.

L'indagine consiste nell'analisi dei metaboliti urinari delle droghe d'abuso nei reflui urbani e nella successiva stima dei consumi nella popolazione. "Milano presenta consumi di cocaina che possiamo definire 'medi' - spiega Sara Castiglioni, capo dell'Unità di biomarker ambientali del Dipartimento ambiente e salute dell'Irccs Mario Negri - simili a quelli di Parigi e Copenaghen, inferiori a quelli di Zurigo, Anversa, Londra e Barcellona. Il trend di consumo di cocaina a Milano è rimasto stabile dal 2011 al 2015, ma è aumentato nel 2016-2017. Analoghe rilevazioni a Bologna, Gorizia, Bari, Potenza e Palermo sono state effettuate solo nel 2017 e confermano i risultati di Milano".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcool e droga, torna a crescere il consumo tra i minorenni

Dal 2011 al 2017 sono stati misurati i consumi di cocaina, amfetamina, metamfetamina ed ecstasy in 120 città di 37 Paesi tra Europa - Italia inclusa - Usa, Canada, Sud America e Australia, con più di 60 milioni di persone coinvolte. La metamfetamina è prevalente in alcuni Paesi dell'Est Europa (Repubblica Ceca, Slovacchia e Germania dell'Est), e ha consumi molto elevati e in crescita in Usa, Canada e soprattutto Australia. L'anfetamina invece è utilizzata prevalentemente in Belgio, Olanda, Germania e alcuni paesi Scandinavi (Finlandia). L'ecstasy non prevale in nessun Paese analizzato, ma i consumi risultano in crescita nel periodo esaminato in quasi tutte le città studiate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Emilia-Romagna, bollettino 23 maggio: +43 positivi, 193 guariti e calo dei casi attivi

  • Al fiume con gli amici, scompare tra i flutti: ragazzo trovato morto nel fiume Idice

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Nuova ordinanza Bonaccini: da lunedì aprono centri sociali, circoli, parchi tematici e riprendono gli stage

  • Spostamenti tra regioni in dubbio, Bonaccini: "Prudenza alta, si rischia la chiusura" 

  • Coronavirus Emilia-Romagna, il bollettino del 24 maggio: +45 positivi, 8 decessi

Torna su
BolognaToday è in caricamento