Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Coca, inchiesta “Due Torri Connection”: “Paco”ammanettato

Il narcotrafficante legato alla 'ndrangheta ma operativo a Bologna, Giuseppe Simonelli, fermato mentre se la spassava in vacanza. E' il sedicesimo arresto per l'inchiesta sul giro di coca

Narcotraffico sotto le due torri: arrestato “Paco”, al secolo Giuseppe Simonelli, trentaduenne di Vibo Valentia attore nel traffico di cocaina gestito dalla ‘ndrangheta e che vedeva Bologna come suo quartier generale e base logistica delle operazioni. Ammanettato a Valona mentre era in vacanza con una donna.

UN ALTRO ARRESTO. E’ il sedicesimo uomo finito in manette nell’ambito dell’inchiesta della Dda e della Squadra mobile ‘Due torri connection’ che sta sgominato un traffico di cocaina gestito dalla ’ndrangheta di Mancuso ma gestito nel residenti bolognese, insieme a narcos colombiani.

IL PIANO FALLITO. Il gruppo di narcotrafficanti italiano e quello sudamericano volevano portare in Italia 1.500 chili di cocaina, ma all’aeroporto di Quito, in Ecuador, il pilota dell’aereo, Michale Kramer, si era tirato indietro inspiegabilmente. Kramer lavorava per i calabresi, capeggiati da Francesco Ventrici (in arresto) e questo, insieme a problemi legati al prezzo della droga, convinse i colombiani a trattenere come ostaggi “Paco” Simonelli e altri due italiani. Alla fine vennero rilasciati, mentre le trattative per l’affare proseguivano. Fino agli arresti di qualche giorno fa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coca, inchiesta “Due Torri Connection”: “Paco”ammanettato
BolognaToday è in caricamento