menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sindaco di San Lazzaro Conti

Il sindaco di San Lazzaro Conti

Colata Idice: richiesta di archiviazione per tutti gli indagati

Per tutti l'accusa era di minaccia a corpo politico e amministrativo. Le indagini erano infatti partite per far luce sulle presunte pressioni ricevute dal sindaco di San Lazzaro

La Procura di Bologna ha depositato la richiesta di archiviazione per tutti gli indagati coinvolti nell'inchiesta sulla cosiddetta "colata di Idice", frazione di San Lazzaro di Savena.

Gli avvisi di chiusura delle indagini, a fine settembre, erano stati inviati a sette persone: Rita Ghedini e Simone Gamberini (rispettivamente presidente e direttore di Legacoop), Massimo Venturoli (legale rappresentante della Palazzi Srl), Stefano Sermenghi (sindaco di Castenaso), Aldo Bacchiocchi (ex sindaco di San Lazzaro), Germano Camellini (presidente del Collegio dei revisori del Comune di San Lazzaro) e Carlo Castelli (tesoriere del Pd di Bologna).

Per tutti loro l'accusa era di minaccia a corpo politico e amministrativo. Le indagini erano state aperte per far luce sulle presunte pressioni ricevute dal sindaco di San Lazzaro, Isabella Conti (Pd), dopo la sua decisione di bocciare un maxi-progetto edilizio che doveva essere realizzato nella frazione di Idice.
Tra i vari commenti che hanno man mano accompagnato la vicenda, sembra avverarsi la profezia del presidente di Unipol, Pierluigi Stefanini, che dopo gli avvisi di fine indagine dichiarò: "Sono davvero certo e sicuro che tutto finirà in niente". (agenzia Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento