Comune, Merola presenta il bilancio e attacca: "Basta demagogie"

Merola ha presentato le principali linee del bilancio 2020-2022 questa mattina in Consiglio comunale

Un bilancio "solido", che dà "un concreto aiuto alle famiglie" bolognesi. E ora "vedremo la discussione in Consiglio comunale. Io l'ascolterò con molta attenzione, perche' il tempo della demagogia è finito".

Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, lancia così la sfida alle opposizioni in Comune e in particolare al centrodestra, chiamato a presentare proposte in aula. "Mi auguro che quando affronteremo il tema della casa- sferza il sindaco- abbiate il coraggio di dire che applicare il criterio dell'azianità di residenza significa che in una città dove l'80% delle persone viene dal Mezzogiorno e che a voi non frega niente".

Merola ha presentato le principali linee del bilancio 2020-2022 questa mattina in Consiglio comunale, spiegando che sarà approvato anche quest'anno entro il 31 dicembre, senza dunque ricorrere all'esercizio provvisorio. "Abbiamo un bilancio solido- afferma il sindaco- e molto concreto nel sostegno ai cittadini, tenendo saldi i principi dell'uguaguaglianza e della solidarietà sociale.

Questa è la cifra diversa del valore civile di Bologna, rispetto a un andazzo che aizza i cittadini contro gli altri, indicando nemici, in base a un'idea folle di nazionalità che negli anni passati ci ha dato solo guai". Merola punta in particolare sulla riduzione del debito (da 89,3 milioni di euro del 2018 ai previsti 69,7 milioni nel 2022) e sugli aiuti alle famiglie fra azzeramento Irpef fino ai 15.000 euro di Isee, riduzione delle rette del nido, della mensa scolastica e della Tari per chi ha più di due figli.

"Sono fattori d'esempio per gli altri Comuni e per lo Stato- rivendica il sindaco- oggi siamo tutti affogati dal soluzionismo, dal dare risposte immediate senza preoccuparci delle conseguenze, scaricando i maggiori debiti sulle giovani generazioni e provvedimenti inadeguati sulle città. A Bologna invece investiamo sul presente guardando al futuro, possiamo segnare una differenza".

Il bilancio di previsione 2020-2022 del Comune di Bologna muove circa un miliardo di euro. Sono previsti investimenti per 115,6 milioni di euro nel triennio, tra cui la realizzazione di 10 nuovi nidi per 500 posti, con l'obiettivo di azzerare le liste d'attesa. Prosegue inoltre il Piano mille case, per circa 61 milioni di euro, che ad oggi ha permesso di assegnare 413 alloggi pubblici e ripristinarne 211, mentre in altri 121 appartamenti sono in corso i lavori.

Il 'Piano famiglie' poi permetterà ai nuclei con un reddito tra i 26.000 e i 35.000 euro un risparmio fino a 800 euro l'anno sulla retta del nido, con una riduzione che si aggiunge a quella realizzata grazie alle risorse della Regione. Sarà invece ridotta per tutti la mensa scolastica, con uno sconto di 28 pasti che corrisponde a un mese e mezzo gratuito su dieci.

La tassa sui rifiuti rimane invariata, ma ci sarà un taglio per le famiglie con uno o più figli e con un Isee fino a 26.000 euro. Invariate anche le aliquote Imu e confermata l'esenzione Irpef per i redditi fino a 15.000 euro. Continueranno a essere gratuiti gli abbonamenti dei bus per bambini e ragazzi fino ai 13 anni.

Le risorse vengono sia dal calo del debito del Comune sia dalla lotta all'evasione, che nel 2016 era di 12 milioni di euro, poi diventati 20 nel 2017 e 24 milioni nel 2018. Così nel 2020 il Comune destinerà 2,95 milioni in più per le agevolazioni Tari alle famiglie con figli, 1,8 milioni in più per il welfare, 1,9 milioni in più per scuola e refezione, 1,2 milioni in più per cultura, biblioteche e musei, 800.000 euro in più per la cura del patrimonio comunale, 1,5 milioni in più per la mobilità e la sicurezza stradale, un milione in piu' per il bilancio partecipativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prima dell'approvazione definitiva il bilancio del Comune di Bologna deve passare ora all'esame delle commissioni e poi in Consiglio comunale, in sedute dedicate già programmate nella settimana del 16 dicembre. Dalla prossima settimana invece l'assessore al Bilancio di Palazzo D'Accursio, Davide Conte, intraprenderà un tour per illustrare le linee essenziali del bilancio nei sei Consigli di Quartiere della città, in sedute aperte ai cittadini. Si parte da San Donato-San Vitale il 20 novembre, poi Savena il 21, Santo Stefano e Borgo Panigale-Reno il 26, Porto-Saragozza il 27 e Navile il 28 novembre. (San/ Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid -19: dove e come fare il test sierologico a Bologna

  • Riaprono i confini, controlli serrati in autostrada: maxi-sequestro di Vespe rubate in A1

  • Pianoro, tragico incidente lungo la Futa: morto un giovane motociclista

  • Tragedia a Loiano: travolto da un tronco, muore a 43 anni

  • Maxi rissa in Piazza Verdi, volano pugni e bottiglie: "Un inferno mai visto prima"

  • Coronavirus Emilia-Romagna, calo contagi e casi attivi: guarito oltre il 73% dei contagiati

Torna su
BolognaToday è in caricamento