Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Imprese, l'allarme di Confindustria Emilia: "Siamo sull'orlo del baratro"

Così il presidente di Confindustria Emilia-Romagna, Pietro Ferrari, sulla situazione imprenditoriale

 

"Siamo sull'orlo del baratro. Bisogna agire in fretta, utilizzando in maniera veloce ed efficace i fondi europei". E' un monito e un campanello d'allarme quello che fa risuonare il presidente di Confindustria Emilia-Romagna, Pietro Ferrari, in un momento cruciale per il rilancio dell'economia nazionale dopo la pandemia, visto che dovrebbe essere chiuse le trattative su Recovery fund e Mes.

"L'Europa delibererà a breve finanziamenti consistenti come mai prima nella sua storia. Verranno in Italia solo se sapremo mettere insieme progetti e riforme. Il timore è che il Paese non sappia utilizzare queste risorse, come è spesso accaduto nella sua storia. Se lo sapremo utilizzare fare, il Paese potrà recuperare terreno. Ma se non saremo capaci, l'Italia avrà un debito talmente elevato da ritrovarsi fortemente indebolita, soprattutto nel confronto di competitor come la Germania", avverte Ferrari, che oggi ha presentato un piano in 25 punti per la ripartenza dell'economia regionale, che ruota attorno a quattro pilastri: benessere e qualità della vita, capitale umano. Imprese e innovazione e reti internazionali.

"Le proposte che sono state avanzate in occasione degli Stati generali sono tante e interessanti, ma non restino un esercizio di bella calligrafia, perche' non ce lo possiamo permettere", scandisce il numero uno regionale di Confindustria, preoccupato per il forte calo di fatturato e ordinativi che interessa anche le imprese dell'Emilia-Romagna. (Dire)

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento