menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Urbanistica, passa in Regione la nuova legge, Legambiente: 'Ha vinto il partito del mattone'

Votano contrari M5S, Ln e anche la sinistra di maggioranza. Soddisfazione da parte dei sindaci capoluogo, Legacoop, sindacati, Confindustria. Gli ambientalisti annunciano: 'Faremo battaglia nei comuni, caso per caso'

La 'taglia-cemento' dell'Emilia-Romagna e' legge. La norma che rivoluziona la normativa urbanistica in Regione e' stata approvata con voti del Pd, l'astensione e Forza Italia e il voto contrario, oltre che dei 5 stelle e della Lega, anche dei consiglieri di Sinistra Italiana e Mdp, esponenti di maggioranza. Con loro anche l'Altra Emilia-Romagna.

Un disegno di legge che arriva a compimento dopo un anno e mezzo di gestazione, che renderà -secondo i promotori- più semplice costruire, ma sotto stringenti paletti ambientali, non ultimo il vincolo del 3 per cento di superficie massima di suolo consumato per costruire.

Cosa voglia dire esattamente e quante deroghe siano inserite nella legge è il vero campo di battaglia, sul quale però le parti in causa vedono una sproporzione, almeno nella politica e in campo produttivo. Entusiasti i sindaci dei capoluoghi, non ultimo l'ex grillino Pizzarotti, compiaciuti anche nel mondo produttivo, da Confindustria ad Ance, soddisfatto anche il mondo delle coop, e una benedizione di masima arriva anche dal mondo sindacale. Troppi infatti sono i posti di lavoro persi negli anni della crisi, con un settore dell'edilizia che ancora stenta a rimettersi in piedi.

Dall'altro lato della barricata la sinistra de L'Altra Emilia-Romagna e anche alcuni consigleri di Mdp, che ora però continuano a stare in maggioranza a viale Aldo Moro. Anche Legambiente, tra i detrattori più convinti della nuova legge appena approvata, hanno annunciato che non faranno sconti: per loro anche nella versione emendata, le nuove 'regole del gioco' prevedono troppe deroghe, e una discrezionalità che mette i comuni alla mercé dei grandi costruttori.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

I Giardini Margherita, tra tesoretti e sorprese inaspettate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento