Contagi tra la penitenziaria, Sinappe: "Meglio fare tamponi a tutti"

Nuova lettera inviata alla direttrice del penitenziario

I contagi tra i poliziotti della Penitenziaria starebbero aumentando. per questo il sindacato delle divise Sinappe ha nuovamente scritto alla direttrice della casa circondariale Claudia Clementi per chiedere i tamponi a tutto il personale della Dozza.

"Avendo appreso di nuovi casi di positività al Covid-19 tra il personale di Polizia penitenziaria" chiede "di sottoporre tutto il personale penitenziario all’esame diagnostico del tampone faringeo, a tutela di tutto il mondo penitenziario".

Già a inizio novembre, visto l'aumento generale dei contagi a livello nazionale, il sindacato aveva scritto alla responsabile della casa circondariale di Bologna e al provveditore regionale, Gloria Manzelli, sottolineando "l'elevato numero di poliziotti presenti nell'Istituto, che lavorano a contatto diretto con le persone detenute".

Per questo, il Sinappe consigliava già due settimane fa di "valutare, come misura preventiva epidemiologica, l'adozione di test sierologici rapidi o analisi con tamponi rapidi". Oggi il sindacato torna alla carica. Il segretario provinciale del Sinappe, Vitaliano Cinquegrana, spiega di aver "appreso di nuovi casi di positività al covid-19 tra il personale di Polizia penitenziaria". (Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento