Coronavirus, aggiornamento Emilia-Romagna: 5.968 casi, 754 in più. Altri otto morti nel Bolognese

Le guarigioni salgono a 239, +62; i decessi 640 totali, +109. I pazienti in terapia intensiva complessivamente sono 267. A Bologna e provincia 87 casi in più: 20 a Imola e 67 nel Bolognese

Sergio Venturi nella diretta di oggi

In Emilia-Romagna sono complessivamente 5.968 i casi di positività al coronavirus, 754 in più rispetto all’aggiornamento di ieri. Lo afferma il commissario regionale per l'emergenza coronavirus, Sergio Venturi, in diretta Facebook. Le guarigioni salgono a 239, 62 in più, i decessi 640 in totale, 109 in più, mentre le persone ricoverate in terapia intensiva sono 267, sette in più rispetto a ieri.

I campioni refertati passano da 18.344 a 20.753: 2.409 test in più effettuati rispetto a ieri. Si tratta di dati accertati alle ore 12, sulla base delle richieste istituzionali.

"Quello che ci auguriamo – afferma Venturi in chiusura – è che gli incrementi dei nuovi casi calino progressivamente sia in proporzione che in assoluto. È quello che ci aspettiamo nelle prossime giornate – conclude – vorrebbe dire che ognuno di noi ha fatto la propria parte da colibrì, con la sua goccia, per spegnere l'incendio".

I decessi

Cresce il numero di morti: 109 in più, da 531 a 640. Sono 36 donne e 73 uomini i nuovi contagiati. Per la maggior parte delle persone decedute sono in corso approfondimenti per verificare se fossero presenti patologie pregresse, anche plurime. I nuovi decessi riguardano 27 residenti nella provincia di Piacenza, 39 in quella di Parma, 19 in quella di Reggio Emilia, 11 in quella di Modena, otto in quella di Bologna (di cui due del territorio imolese), tre a Forlì, uno a Rimini e uno a Ferrara.

"Due province, Parma e Reggio Emilia – dice Venturi – hanno fatto sapere solo oggi una trentina di casi dei giorni scorsi per cui si aspettavano i temponi, quindi siamo su livelli di ieri", quando l'incremento di morti era di settanta.

I dati per provincia

In dettaglio, questi sul territorio i casi di positività, che invece si riferiscono non alla provincia di residenza ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: Piacenza 1.575 (147 in più rispetto a ieri), Parma 979 (110 in più), Rimini 757 (66 in più), Modena 767 (104 in più), Reggio Emilia 773 (165 in più), Bologna 552 (di cui 144 a Imola e 408 a Bologna; complessivamente 87 in più, di cui 20 a Imola e 67 a Bologna), Ravenna 213 (28 in più), Forlì-Cesena 250 (di cui 118 a Forlì, 6 in più rispetto a ieri, e 132 a Cesena,17 in più rispetto a ieri),  Ferrara 102 (24 in più rispetto a ieri). 

Complessivamente, sono 2.491 le persone in isolamento a casa perché con sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o prive di sintomi (295 in più rispetto a ieri); quelle ricoverate in terapia intensiva sono invece 267 (sette in più rispetto a ieri).

E salgono a 239 (62 in più rispetto alle 177 di ieri) le guarigioni, 219 delle quali riguardano persone 'clinicamente guarite', divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all’infezione e dichiarate guarite a tutti gli effetti perché risultate negative in due test consecutivi.

Nuovi posti letto

In tutta l’Emilia-Romagna, tra ieri e oggi, sono stati infatti allestiti ulteriori 101 posti letto per i pazienti colpiti da Coronavirus, che complessivamente passano da 3.023 a 3.124, tra ordinari (2.707) e di terapia intensiva (417).

Nello specifico: 586 posti letto aggiuntivi a Piacenza (di cui 40 per terapia intensiva), 742 a Parma (57 terapia intensiva), 531 a Reggio (48 terapia intensiva), 284 a Modena (76 terapia intensiva), 482 nell’area metropolitana di Bologna e Imola (104 terapia intensiva), 58 a Ferrara (22 terapia intensiva), 441 in Romagna (in particolare: 201 Rimini, di cui 27 per terapia intensiva; 82 Ravenna, di cui 12 per terapia intensiva; 55 Forlì, di cui otto per terapia intensiva; 82 Cesena, di cui 17 per terapia intensiva, 12 Lugo, di cui sei per terapia intensiva; nove a Faenza).

Ospedali Covid

A Parma saranno attivati 15 posti letto ciascuno, estendibili, all'ospedale Piccole Figlie e alla casa di cura Val Parma Hospital. Sempre in provincia di Parma è prevista la prossima attivazione di 20 posti letto da parte della casa di cura Città di Parma.

Sul resto del territorio regionale restano confermate a Piacenza la Casa di Cura Sant’Antonino e il San Giacomo per complessivi 120 posti letto, l’Ospedale di Comunità di Bobbio, Castel San Giovanni e Fiorenzuola; a Parma il padiglione Barbieri e il padiglione 26 dell’ospedale Maggiore (hub), Fidenza e Borgo Taro; a Reggio Emilia, a supportare l’hub Arcispedale Santa Maria Nuova in città, oltre a Guastalla si è aggiunto Scandiano; a Modena opera come hub il Policlinico (Baggiovara dà supporto sia per l’area intensiva che per i pazienti in fase acuta) e sono pronti Carpi (dove è già attiva per pazienti Covid la Terapia Intensiva), Mirandola e Sassuolo.

A Bologna, nell’hub del Sant’Orsola, è entrato in funzione il padiglione Covid, il 25, oltre al Bellaria, già Covid hospital che funzionerà come tale anche per l’imolese; a Ferrara, in caso di necessità l’hub del Sant’Anna sarà supportato come Covid dall’ospedale del Delta. Infine, per la Romagna, agli hub di Rimini, Ravenna, Forlì-Cesena verranno affiancati come Covid hospital gli ospedali di Lugo e di Riccione.

Figura ad hoc per mascherine

Un profilo ad hoc per reperire mascherine: l'Emilia-Romagna si doterà di una figura professionale specifica. "Una figura ad hoc – dice Venturi in conferenza – per acquisire in modo rapido i dispositivi di protezione individuale, non possiamo permetterci che si ammalino i nostri operatori. Ho chiesto personalmente alla giunta di fare il possibile per renderci autonomi nell'approvvigionamento di questi dispositivi, perché sono fondamentali per poter lavorare bene negli ospedali e nelle case protette, dove alcuni anziani sono positivi e non si possono assistere se non con le dovute precauzioni".

Dal Dipartimento nazionale di protezione civile sono pervenute 284.000 mascherine Montrasio, 19.050 mascherine ffp3, 1.800 mascherine ffp2, 379.000 guanti sterili. Altre 10mila mascherine chirurgiche sono in arrivo dall’Agenzia di protezione civile del Lazio, nell’ambito dei rapporti di solidarietà fra le Regioni. In distribuzione 22mila mascherine Montrasio per ogni ambito provinciale.

Volontariato

Continua ad aumentare il numero dei volontari di protezione civile impiegati nelle attività di gestione dell’emergenza: nella giornata di ieri sono stati 379 quelli attivi in Emilia-Romagna, il numero più alto dal 23 febbraio; 2.364 le giornate complessive (il dato non considera le attivazioni nazionali di soggetti come Anpas, Cri, Ana, ecc.).

Il numero più consistente (103 volontari di Anpas e Cri regionale) opera a supporto del lavoro sulle ambulanze; a disinfettare e sanificare le ambulanze. Stanno, inoltre, operando 14 volontari di Piacenza e 12 di Parma; prosegue anche l’attività dei volontari ferraresi per il trasporto di campioni sanitari.

Quanto alle attività di assistenza alla popolazione – a supporto dei Comuni, per consegnare la spesa e farmaci alle categorie più fragili – i numeri di volontari maggiori sono a Parma (45), Rimini (43), Ferrara e Modena (38), Forlì-Cesena 24. Altri volontari sono impiegati in attività di logistica presso i magazzini regionali e di segreteria nei punti triage allestiti presso le strutture ospedaliere.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

(aggiornato alle 18.45)

Coronavirus, c'è l'accordo con gli ospedali privati: 4mila posti, 95 di terapia intensiva

Coronavirus, anche a Bologna arriva l'esercito per i controlli

Coronavirus, la commissaria Ausl: "A Bologna è iniziata la fase più acuta"

Coronavirus, farmaci senza ricetta: l'Emilia-Romagna prima in Italia

Coronavirus e norme anti-contagio, controllati dai carabinieri in 7600: 450 denunce

Affitto gratis a infermiere Covid-19: "Volevo essere utile, ora Bologna mostri di che pasta è fatta"

Coronavirus, Venturi: "Un ventilatore polmonare per più pazienti, una bella notizia che ci riempie di orgoglio"

Coronavirus, Venturi sbotta: "Centinaia di morti e ancora si lamentano per la corsetta" | VIDEO

Coronavirus, in zona rossa a Medicina: check-point e aiuti ai cittadini | VIDEO

Coronavirus, nuova ordinanza: parchi chiusi, bici e passeggiate solo vicino casa

VIDEO| Il direttore malattie infettive: "Se non state in casa, la sanità va in ginocchio"

Coronavirus, mappa interattiva: casi, incidenza per provincia, terapia intensiva

Coronavirus, cambia l'autocertificazione per uscire: il nuovo modulo

Coronavirus, il presidente Bonaccini: "State a casa o sarà davvero una tragedia"

Coronavirus e solidarietà: "Mi alzo alle 4 per regalare la colazione a medici e infermieri"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte lavoro Bologna fisso mensile

  • Come pulire e disinfettare i condizionatori: trucchi e consigli

  • Incidente sulla A1: scontro camion-furgone, due morti

  • Focolai covid a Bologna: l'attenzione si sposta all' ex hub di via Mattei

  • Tragedia in Romagna: perde l'equilibrio e sbatte contro la roccia, morta studentessa dell'Alma Mater

  • Coronavirus fase 3 | Fiere, congressi, vacanze di gruppo e viaggi in auto: Bonaccini sigla nuova ordinanza

Torna su
BolognaToday è in caricamento