Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contratti di lavoro falsi per ottenere permessi di soggiorno: disarticolata associazione, ecco come agiva | VIDEO

Oltre 200 contratti di lavoro falsi per un totale di circa 200mila euro guadagnati in nero e 500mila di danno allo Stato

 

Dai 500 ai 1000 euro per un contratto di lavoro, da 80 a 100 euro per falsificare le buste paghe e fino a 500 euro per un modello 730. Un'associazione per delinquere finalizzata alla truffa in danno dello Stato e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, questo il profilo delineato dalle forze dell'ordine in conferenza stampa.

Favoreggiamento immigrazione clandestina: impreditori e consulenti del lavoro nei guai

Secondo gli investigatori, sono queste le cifre che un imprenditore - ora in custodia cautelare in carcere - sua moglie, e quattro professionisti (un commercialista, un avvocato e un consulente del lavoro) - per i quali invece sono stati disposti divieti temporanei di esercitare la professione e/o qualsiasi ufficio direttivo di imprese  - dal 2017 ad oggi hanno chiesto ad oltre 200 immigrati per falsificare i documenti affinché potessero ottenere il permesso di soggiorno e altri diritti, come la maternità o prestiti bancari.

Nel video, il comandante dei carabinieri di Borgo Panigale, Elio Norino, e il funzionario dell'Ufficio immigrazione della Questura di Bologna, Aldo Battista, spiegano quando sono partite le indagini e come agivano i presunti imprenditori. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento