menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Controlli della Polstrada in A13: due camionisti nei guai

Avevano alterato i dati della scatola nera del mezzo pesante, che permette di guidare oltre il consentito

Multa salata e patente sospesa per due camionisti di 41 e 46 anni, entrambi cittadini italiani originari di Napoli e Salerno. E' la sanzione inflitta dalla polizia stradale di Altedo, in seguito ai controlli effettuati sulla A13.

Il primo fatto è successo ieri. Una pattuglia, verso le ore 07.30, intercettava poco prima della stazione di uscita di Altedo un autocarro di una ditta con sede a Napoli che procedeva in direzione nord.

Gli Agenti intimavano all’autista di uscire al casello per procedere ai consueti controlli di Polizia Stradale con il “Police Controller”. Non appena ricevuti i dati della cosiddetta “scatola nera” dell’autoarticolato, l’occhio elettronico segnalava agli agenti un elevato numero di anomalie, tanto da indurli a sottoporre il cronotachigrafo installato a bordo del trattore stradale ad un approfondito controllo.

Tale verifica permetteva di rilevare la mancanza del sigillo posteriore posto a protezione dei connettori di alimentazione e della linea dati, che consentiva all’autotrasportatore di escludere manualmente l’alimentazione dello strumento, allo scopo di continuare a guidare ben oltre i limiti orari imposti dalla Legge, senza incappare in sanzioni.

Nella stessa mattinata, verso le ore 11.00 circa, un altro autoarticolato appartenente ad una ditta del salernitano veniva intercettato nel tratto ferrarese dell’A13 ed anch’esso sottoposto ad un controllo con il “Police Controller”.

Anche in questo caso i dati ricevuti dal cronotachigrafo digitale installato a bordo del trattore stradale inducevano gli agenti ad approfondire il controllo presso una vicina officina di Occhiobello per sottoporlo ad accertamenti tecnici, che davano esito positivo in quanto veniva accertato che il sensore di rilevamento dei parametri di viaggio del cronotachigrafo digitale era stato manomesso in modo tale da inibire le misurazioni tramite l’applicazione di un semplice magnete.

Per entrambi i conducenti è scatta la sospensione della patente di guida associata ad una contravvenzione ciascuno di 1736 € elevata ai sensi dell’art. 179 comma 2 del codice della strada, oltre all’immediato sequestro dei sensori manomessi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fagottini di mortadella caprino, miele e pistacchio

social

Crostatina ai lamponi senza glutine: la ricetta di Ernst Knam

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento