rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Cronaca Via dell'Aeroporto

Parte la convenzione fra l'aeroporto Marconi e la Usl: da gennaio il 118 garantirà il primo soccorso

Dal 1° gennaio, più sicurezza per passeggeri e frequentatori del Marconi: Aeroporto di Bologna e USL hanno stipulato una nuova convenzione per la gestione del presidio e del servizio di Primo soccorso sanitario aeroportuale

Il 118 al Marconi dal 1° gennaio, più sicurezza per passeggeri e frequentatori dello scalo aeroportuale bolognese: Aeroporto Marconi di Bologna e Azienda USL di Bologna hanno stipulato una nuova convenzione per la gestione del presidio e del servizio di Primo soccorso sanitario aeroportuale, svolto sino al 31 dicembre 2014 dalla Croce Rossa Italiana.

La convenzione, che avrà durata biennale con efficacia dal primo gennaio 2015, regola l’organizzazione, la messa a disposizione e la gestione del servizio di Primo soccorso all’interno dell'area aeroportuale del Marconi da parte del 118 della Azienda USL Bologna. Dal 1° gennaio una ambulanza del 118 con due operatori, un infermiere esperto in gestione delle emergenze ed in tecniche di rianimazione ed un autista soccorritore, sarà presente 24 ore su 24, 7 giorni su 7, festivi compresi, all’Aeroporto di Bologna, per garantire il primo soccorso in emergenza nell’area aeroportuale e l’attività ambulatoriale.

L’ambulanza, che si aggiunge alla rete dei mezzi del 118 già operativi nel territorio metropolitano bolognese, sarà dedicata esclusivamente al soccorso di viaggiatori e visitatori del Marconi, oltre che delle persone che lavorano all’interno dell’Aeroporto, e sarà costantemente collegata con la rete dell’emergenza-urgenza dell’area metropolitana. Il medico, analogamente a quanto avviene per le emergenze sul territorio, sarà sempre attivabile per intervenire direttamente se necessario. L’infermiere si potrà avvalere delle opportunità offerte dalla telemedicina e potrà quindi inviare elettrocardiogrammi direttamente alle Terapie intensive coronariche del territorio, consultare il cardiologo o il medico 118 territoriale, oltre che collegarsi direttamente con tutte le sedi di Pronto Soccorso dell’area cittadina per inviare pazienti se necessario. In questo modo è garantita, ogni qualvolta si renda necessario, la presa in carico immediata da parte dell’ospedale metropolitano più qualificato per il trattamento delle diverse patologie, a partire dall'Ospedale Maggiore, assicurando maggiore sicurezza e tempestività degli interventi.

La convenzione è stata stipulata nel rispetto delle linee guida ENAC sui requisiti del servizio, con l’obiettivo di migliorarne qualità e sicurezza per gli utenti dell’Aeroporto, in una logica di integrazione con la rete del servizio sanitario territoriale, una delle migliori e più efficienti d’Italia, anche per i servizi di emergenza-urgenza.

Il nuovo servizio è stato messo a punto sulla base di una analisi precisa degli interventi di primo soccorso effettuati in Aeroporto negli ultimi tre anni, con particolare attenzione alle cosiddette “patologie tempo-dipendenti” (pazienti critici in pericolo di vita). L'analisi è illustrata nella Relazione tecnica prodotta dal 118 Bologna Soccorso e dal gestore aeroportuale, ed è parte integrante della convenzione. L’attività di emergenza sanitaria è quantificabile in circa 160 emergenze in media per anno, con intervento del medico, in media, in soli 10 casi. Nel biennio 2012-2013, quando il servizio non era ancora affidato all’Azienda USL di Bologna, è stato necessario ricorrere comunque all'intervento del 118 in 301 casi su 321 complessivi.

In caso di contemporaneità di eventi critici, il 118 Bologna Soccorso garantirà l’intervento di mezzi di soccorso aggiuntivi. L’accordo prevede, infine, il coinvolgimento diretto del 118 in caso di maxi emergenze o di emergenze aeroportuali. L’Aeroporto di Bologna è tra i primi aeroporti in Italia a sottoscrivere una convenzione con la Azienda USL territoriale, nel rispetto della normativa e in coerenza con il principio che riconosce l'area aeroportuale come parte integrante del territorio sul quale l’Azienda sanitaria locale esercita con competenze esclusive le proprie funzioni di tutela della salute pubblica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parte la convenzione fra l'aeroporto Marconi e la Usl: da gennaio il 118 garantirà il primo soccorso

BolognaToday è in caricamento