Coronavirus, ennesimo appello dal carcere: "Posti isolamento stanno finendo, servono test per tutti"

La Fp-Cgil: "La situazione si sta aggravando"

I posti previsti per l’isolamento dei casi positvi siano "in via di esaurimento" ed i nuovi pazienti hanno finito per "complicare una situazione già compromessa dal sovraffollamento e dalle carenze sopraggiunte a conclusione dei ben noti disordini avvenuti circa un mese fa".

E' il grido di allarme della Fp-Cgil in merito alla situazione del carcere della Dozza di Bologna. "A più riprese e a vari livelli, la scrivente ha richiesto, spesso unitamente alle altre sigle sindacali, misure urgenti quali i tamponi o i test sierologici per tutto il personale" continua il sidnacato ma "il trascorrere del tempo, purtroppo, non pare agevolare il risolversi della situazione, piuttosto sta aggravando il diffondersi del virus" tra le mura della casa circondariale. Per questo motivo si chiede "di provvedere ad efftuare il più presto possibile i test clinici, su tutti i presenti all’interno della struttura".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento