Coronavirus, case di riposo anziani: "Massima attenzione per la struttura di Via Saliceto"

In via Saliceto ancora casi di positività e negli ultimi giorni si è proceduto a nuovi ricoveri. Al momento risultano essere 43 i lavoratori interessati dal contagio o in quarantena

“A fronte di numeri complessivi in sensibile miglioramento, rimane alta l’attenzione sulla struttura di Via Saliceto. Anche per questo, ora che stiamo risolvendo le criticità relative al fabbisogno del personale in servizio, concentriamo tutte le nostre forze nel migliorare questa situazione sanitaria, in stretto coordinamento con la task force dell’AUSL di Bologna”, Lo scrive in una nota l’Amministratrice Unica di ASP Città di Bologna, Rosanna Favato a commento del quarto bollettino emanato da ASP per fornire tutte le informazioni utili sulle azioni che sta compiendo l’Azienda Servizi alla Persona della Città di Bologna.

La situazione sarebbe in sensibile miglioramento sia per quanto riguarda le strutture contagiate che per il numero di operatori positivi. Mentre si risolve la situazione dei nuclei CRA e della Casa di riposo di Viale Roma e del Centro Servizi Lercaro, permangono le misure emergenziali presso la struttura di Via Saliceto. Invariati i numeri della struttura di Via Albertoni.

Gli ospiti

"Mentre giungono le ottime notizie dell’assenza di contagio in tutte le strutture ASP di Viale Roma (2 reparti CRA, la Casa di Riposo, il Gruppo Appartamento e la Comunità alloggio) e di tutta la struttura del Centro Servizi Lercaro, si registrano numeri stabili anche in Via Albertoni - si legge nella nota su Viale Roma siamo particolarmente contenti dei numeri rilevati che attestano la negativizzazione di tutte le strutture coinvolte –prosegue Favato– e addirittura possiamo riabbracciare virtualmente due nostre ospiti, tra le prime ad essere state contagiate, appena rientrate dall’Ospedale in quanto dichiarate guarite. Un ulteriore segnale della sorveglianza applicata, dei piani terapeutici prontamente garantiti e di una ospedalizzazione avvenuta al comparire dei primi sintomi maggiori”.

Sarebbe analoga la situazione di soddisfazione anche per il Centro Servizi Lercaro, sottoposto la scorsa settimana a isolamento cautelare, che riscontra la totale negatività per tutti gli anziani ospitati. "Nonostante l’esito dei tamponi, si proseguirà ancora nel mantenimento delle misure di massima allerta a titolo puramente prudenziale. Stabili infine i numeri di Via Albertoni dove si registra la presenza di alcuni ospiti positivi ma asintomatici", fa sapere Asp.

Via Saliceto

Ancora in una fase di massima attenzione la struttura di Via Saliceto: “in tale struttura -continua la Amministratrice Unica ASP- tutti e tre i nuclei registrano ancora casi di positività e in questi ultimi giorni si è proceduto a nuovi ricoveri presso le strutture ospedaliere. Non dobbiamo abbassare la guardia per alcun motivo. E’ vero che soprattutto sul personale siamo riusciti a ridurre i disagi al minimo grazie anche allo spirito di sacrificio dei nostri operatori e in virtù del pronto inserimento di nuove figure professionali, ma il virus c’è stato e continua ad esserci. Nonostante tutto quanto fatto si registrano decessi di ospiti ricoverati in ospedale. Pur non avendo ancora ricevuto conferme dal sistema sanitario sul numero accertato e sulla correlazione diretta tra il decesso e la positività al Covid 19, quanto sta accadendo è motivo di preoccupazione e conferma la gravità del momento". La Task Force di AUSL ha effettuato un nuovo sopralluogo richiesto dalla Direzione ASP nel pomeriggio di oggi 27 aprile. 

Gli operatori

Sarebbe stabile il quadro degli operatori positivi rispetto alla scorsa settimana. Al momento risultano essere 43 i lavoratori interessati dal contagio o in quarantena preventiva. Per diversi lavoratori il periodo di osservazione è ormai prossimo al termine, ma il rientro in servizio sarà subordinato ad un’attenta procedura di valutazione medica da parte degli organismi di Sanità Pubblica.

Le azioni intraprese 

Reclutamento di 16 Operatori Socio Sanitari e 14 Fisioterapisti che hanno già preso servizio nei giorni scorsi e che si affiancano agli psicologi, infermieri, soccorritori e medici reperiti nelle scorse settimane.

Oltre al personale "ulteriore impegno è stato profuso nell’opera di comunicazione e di trasparenza alle famiglie degli ospiti. Proprio in queste ore partirà un’ulteriore comunicazione che darà il dettaglio delle azioni intraprese in questo periodo, del livello di servizi garantito e in via di definizione, soprattutto nel campo del sostegno psicologico, in un momento di grande difficoltà come questo" dichiara Asp. .

La campagna di solidarietà

Partita lo scorso 25 marzo, questa iniziativa di enorme importanza mira a sensibilizzare tutta la comunità bolognese di quali siano i bisogni che ASP deve affrontare quotidianamente nella cura della parte più fragile e vulnerabile della nostra società: gli anziani.

Ad oggi alla raccolta fondi hanno aderito 162 donatori (società, aziende o singoli cittadini). Da segnalare poi le donazioni materiali tra le quali Aruba (Apparati Wifi) e Wind/Tre (smartphone e tablet) che saranno messi a disposizione dei Centri Servizi per la comunicazione tra ospiti e familiari.

“A tutte queste persone rivolgo il più sincero ringraziamento - conclude Rosanna Favato - ma al tempo stesso continuo a chiedere aiuto e risorse a tutta la città per aiutarci a curare e preservare la parte più debole e bisognosa della società: i nostri anziani”.

Coordinate bancarie codice IBAN: IT75L0200802461000105890288. Intestato a: ASP Città di Bologna.  Causale bonifico: EMERGENZA CORONAVIRUS. Inviare una mail a direzione@aspbologna.it per certificazione ai fini fiscali.

Tutte le donazioni a favore di ASP sono fiscalmente deducibili o detraibili ai sensi di quanto previsto dell’art. 4 punto 7 del decreto legislativo 4 maggio 2001 n. 207.

Ecco il testo completo del nuovo DPCM 26 aprile 2020

Fase 2, Bonaccini critico: "Accelerare su riaperture. Delusione su scuola, famiglia e mascherine"

Fase 2 Coronavirus, tra gli spostamenti consentiti quelli per raggiungere i congiunti

Coronavirus, Conte sulla fase 2: dai negozi ai parchi, cosa cambia dal 4 maggio in avanti

Nuova ordinanza Bonaccini: dal 27 aprile via a vendita di cibo da asporto e toelettatura animali. Novità per il comune di Medicina

Stop ai contagi domestici: nuove disposizioni della Regione

Coronavirus, Hera studia acque di scarico con l'Istituto Superiore di Sanità

Oltre l'emergenza: il sindaco nomina esperti per "ripensare Bologna"

Cosa ci lascerà questa quarantena? La lezione dei bambini | VIDEO

Coronavirus, ecco il piano della Regione per le residenze anziani e contagi domestici

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento