rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca

Coronavirus, sfida social per aiutare i ristoranti: "Un'esplosione di solidarietà"

L'idea di tre 29enni bolognesi amici da sempre e ideatori della pagina "Qui si taffia": "Chiediamo di scrivere i propri luoghi per pranzo, merenda, cena...così li facciamo conoscere"

Gianmarco Grazia, Alex Martini, Filippo Bigalli sono tre amici da sempre. La loro pagina Instagram dedicata al food, "Qui si taffia" (sì, sono evidentemente bolognesi visto che taffiare è mangiare in dialetto) e nata circa un anno e mezzo fa, in questi giorni di crisi da Coronavirus sta facendo impennare i click per una challenge di solidarietà ai ristoratori colpiti dal crollo di clientela delle ultime settimane.

Un successo e una viralità che i tre amici non si aspettavano, come raccontano i tre 29enni di Borgo Panigale: "Nessuno di noi lavora nel settore del food o dei digital e un anno e mazzo fa ci siamo accorti che nelle gallery dei nostri telefoni avevamo un patrimonio in scatti fotografici di cibo fatto un po' in tutto il mondo ma soprattutto Bologna, la nostra città. Ci è venuto in mente di creare un contenitore e grazie all'aiuto del nostro preziosissimo amico Marco Salicini oltre alla pagina Instagram (che conta oggi 4.255 follower) è nata anche la nostra guida, che raccoglie divisi per categoria i ristoranti, le trattorie e i locali della nostra città raccontati come farebbe un locale". 

Coronavirus, calo hotel e ristoranti. "Ma la vita continua come sempre" | VIDEO

E cosa è successo in questi giorni? "In questo momento molto particolare, nel quale i luoghi di ritrovo si sono letteralmente svuotati e le persone non vanno più fuori a pranzo e a cena per paura del contagio del Coronavirus alcuni gestori ci hanno scritto chiedendoci cosa avrebbero potuto fare. Noi non abbiamo potuto fare altro che una challenge (letteralmente una sfida, un coinvolgimento fatto chiedendo di partecipare) dedicata proprio ai luoghi che amiamo e che vogliamo consigliare. E l'iniziativa sta andando fortissimo, tanto che dopo il lancio Instagram ci ha bloccato le stories per un eccesso di interazioni". 

Pensate che funzioni come call to action e che le persone si possano convincere a tornare fuori? "Non abbiamo dei feedback in questo senso e non possiamo sapere se grazie alla nostra iniziativa qualcuno si convincerà a tornare a uscire a mangiare con gli amici rispettando comunque le norme di sicurezza e risollevando così la situazione di crisi che stanno attraversando tantissimi titolari e gestori di attività. Quello che conta per noi è questo grande spirito di solidarietà che stiamo sentendo". 

Ultime notizie Coronavirus: scuole chiuse fino al 15 marzo 

Cosa pensi che possa succedere? "Più che altro cosa spero che possa accadere. Mi auguro che questi locali eccellenti tornino a riempirsi...noi non ci guadagnamo nulla, vorremmo solo continuare a raccontare ai turisti e che visitano Bologna e ai bolognesi che vogliono continuare a scoprire posti e sapori nuovi".

Come funziona in sostanza? "Eccola: una scheda da compilare dalla colazione all'ultimo bicchiere della serata con i bar, le osterie, i ristoranti che amiamo particolarmente e alla fine un tag con una persona con cui vorremmo condividere tutti questi momenti". 

Ecco la challenge di "Qui si taffia": gli utenti la compilano con i loro luoghi preferiti taggando poi alla fine un amico. 

Quisitaffia Challenge bolognanonsiferma-2

Coronavirus, video-messaggio del sindaco: "Il primo antitodo è il nostro comportamento"

Coronavirus, lo psicologo: "Avere paura non solo è normale, ma è anche sano"

Teatro: biglietto a un euro per rilanciare la cultura

Coronavirus, Giunta regionale: positivi gli assessori Donini e Lori

Coronavirus, l'aggiornamento della Regione Emilia-Romagna

Bologna riparte: riaprono i musei e la Torre degli Asinelli

Serata latina durante ordinanza anti-coronavirus, prima denuncia per titolare bar

Basket, la Virtus non può andare in Turchia e rischia sconfitta. Gara rinviata

Coronavirus, "Vorrei prenotare una camera e vengo dall'Emilia-Romagna": test agli hotel d'Oltralpe

Coronavirus, messe feriali senza fedeli fino al 7 marzo

Turkish Airlines cancella i voli da e per l'Italia compresi quelli su Bologna

"Lasciate le mascherine alle persone a rischio": gara di solidarietà dopo il post della ragazza con la leucemia

Ordinanza Coronavirus, svuota le scuole ma riempie i parchi: "Più tempo per stare con i figli"

"Isolamento unica misura efficace, sì a controlli Nas" | VIDEO

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, sfida social per aiutare i ristoranti: "Un'esplosione di solidarietà"

BolognaToday è in caricamento