menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

Coronavirus e contagi nelle scuole, Pandolfi: "Situazione ancora governabile"

Così il direttore di sanità pubblica dell'Ausl di Bologna

"Se la situazione è questa, con due o tre casi al giorno, è ancora governabile". A dirlo è Paolo Pandolfi, direttore del dipartimento di Sanità pubblica dell'Ausl di Bologna, commentando con la 'Dire' i due nuovi casi positivi registrati oggi in altrettante scuole cittadine (il liceo Fermi e le medie Guido Reni).

Ieri erano emersi i primi tre studenti positivi al covid nei licei Minghetti, Righi e Laura Bassi. Oggi sono stati eseguiti i tamponi a tutti le 88 persone coinvolte nel tracciamento, ossia i compagni di classe e i docenti dei tre ragazzi (le rispettive famiglie sono già in isolamento).

"La situazione è controllata, in attesa della verifica dell'esito dei tamponi", spiega Pandolfi, che ricorda: "Se in una classe emergerà un secondo positivo, sarà considerata focolaio e verrà messa in quarantena. Altrimenti i ragazzi potranno tornare a scuola".

Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

Domani invece faranno il tampone le 50 persone collegate ai due casi di oggi. "Può capitare, l'avevamo messo in conto- dice Pandolfi- ma se è così, la situazione è ancora governabile". E aggiunge: "Sono casi sporadici, esterni alla scuola, che non c'entra".

Il responsabile della sanità pubblica dell'Ausl lancia quindi un appello. "Sarebbe opportuno che venisse pubblicizzata di più l'app Immuni- sostiene Pandolfi- già quando uscì, io dissi che sarebbe stato utile, se non renderla obbligatoria, almeno raccomandarla caldamente nei luoghi di comunità come gli ospedali, le scuole o i centri sportivi. Sarebbe una buona cosa, perché traccia i contatti e anticipa la diffusione del contagio".

 Nel frattempo, dopo aver sottoposto a screening gli iscritti al test d'ingresso di Medicina, da lunedì l'Ausl di Bologna sarà nella Facoltà di Ingegneria per fare il sierologico agli universitari, con l'obiettivo di "valutare la diffusione dell'immunità tra i giovani", spiega Pandolfi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona rossa, i negozi che restano aperti

social

Sanremo: la bolognese Matilda De Angelis conquista tutti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento