menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus ed economia, le coop sociali: "Pa paghi prestazioni a operatori"

Secondo le associazioni che si occupano di sociale sono circa 10mila le maestranze impiegate nel settore affette dalla sospensione dell'attività

Le cooperative sociali dell'Emilia-Romagna devono poter fatturare le prestazioni gia' previste a bilancio dalle amministrazioni pubbliche, anche quelle che non si sono potute svolgere a marzo e che non si potranno svolgere nelle prossime settimane. Non chiediamo privilegi, ma il rispetto delle norme di recente approvate dal Governo".

È l'appello dei presidenti in Emilia-Romagna di Confcooperative Federsolidarietà, Legacoopsociali e Agci Solidarietà, Luca Dal Pozzo, Alberto Alberani ed Emanuele Monaci. Tutti ricordano che il decreto del 17 marzo, il Cura Italia, fra l'altro autorizza le pubbliche amministrazioni a pagare i gestori privati dei servizi sospesi a causa dell'emergenza sanitaria, "sulla base di quanto iscritto nel bilancio preventivo".

La richiesta delle centrali regionali (rappresentate oltre 900 coop sociali e 44.000 operatori che ogni giorno prestano servizi a 65.000 anziani, disabili, svantaggiati e minori) è contenuta in una lettera spedita al presidente della Regione Stefano Bonaccini.

Auspicando comunque un accordo nazionale, aggiungono le coop: "Sono 10.000 in regione i lavoratori delle nostre cooperative sociali interessati dalla chiusura dei servizi dovuta all'emergenza coronavirus, alcuni di loro sono stati impiegati in altre mansioni ma la maggior parte si trova a casa. Registriamo ogni settimana danni per diversi milioni di euro.

Chiediamo che le fatture delle prestazioni vengano pagate altrimenti- avvisano i cooperatori- non sapremo come fare fronte agli stipendi dei nostri operatori e delle nostre educatrici, con gravissime ricadute sulla tenuta delle imprese sociali e sul sistema di welfare emiliano-romagnolo". La fatturazione regolare dei servizi permetterebbe di non ricorrere al fondo integrativo salariale "e alla cassa integrazione in deroga", riservandoli ad altri lavoratori. (Lud/ Dire)

Coronavirus Emilia Romagna, bollettino 1° aprile: 713 nuovi contagi, altri 88 morti

Coronavirus Bologna e provincia, bollettino 1° aprile: i dati comune per comune

Coronavirus, ecco i buoni spesa del Comune: da 150 e 600 euro, si richiedono dal 2 aprile

Coronavirus, nel reparto di terapia intensiva del Sant'Orsola: "L'emergenza continua" | VIDEO

Coronavirus, bimbo nato da mamma positiva. Intervista al neonatologo Fabrizio Sandri

Coronavirus, requisite a Bologna 50mila mascherine e 13mila dispositivi medici

Coronavirus, studio all'Alma mater: "La luce in fondo al tunnel forse dopo Pasqua"

Coronavirus, click day bonus 600 euro per gli autonomi: ma il sito Inps è bloccato

Coronavirus, Lamborghini si converte: mille mascherine e 200 visiere al giorno per il Sant'Orsola

VIDEO | Cure casa per casa: "Il piano funziona, se avete febbre aspettateci" 

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

Mappa interattiva coronavirus: casi, incidenza per provincia, dati terapia intensiva

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • WeekEnd

    I 10 eventi da non perdere questo weekend

  • Attualità

    Imola, McDonald’s e Fondazione Ronald McDonald donano pasti gratis

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento