Covid, Giovanni Favia multato nel suo locale: "Pattuglia mandata da una chiamata anonima"

"Questo è il messaggio dello stato che non solo ci priva del dovuto ma si permette di derubarci con sanzioni folli e prive di buon senso o logica"

Foto FB Giovanni Favia

400 uero di multa o 280 se viene pagata entro 30 giorni. E' la sanzione "comminata" oggi a Giovanni Favia, ex 5 Stelle ed ex candidato di Rivoluzione Civile con Antonio Ingroia alle elezioni nazionali del 2013, nel suo locale di via delle Moline.

"Questo è il messaggio dello stato che non solo ci priva del dovuto ma si permette di derubarci con sanzioni folli e prive di buon senso o logica".

L'ex consigliere ha racconato l'episodio su Facebook: "Oggi ho rivisto dopo due mesi di lontananza i dipendenti della mia impresa. E’ stato bello rivedersi anche se lo scopo era quello di parlare del futuro (non roseo) che ci attende e dell’immediato presente. Nessuno di loro infatti vede lo stipendio da due mesi, lo stato non sta pagando la cassa integrazione mettendo in difficoltà molte famiglie. Potete immaginare la rabbia e lo sconforto, anche per l’incertezza circa le riaperture. Incertezza sia in termini di tempi, sia in termini di modalità (folli le ipotesi ristoranti-ambulatorio, meglio chiusi), che in termini di prospettive di mercato (fiere, turismo, università, paura, calo del pil etc etc). In alcune delle mie attività prevediamo chiusure addirittura di mesi…"

Ristoratori in piazza col manifesto anti-crisi: "Tampone anche per rispetto del piccolo imprenditore"

Quindi controllo ai congelatori e alla merce scaduta, al funzionamento degliimpianti, documenti, "carte" e buste paga: "Verso l’una abbiamo fatto una pausa per mangiare. Nel ristorante vi erano solo i miei dipendenti ed io. Il locale è grande 280 metri quadri e quindi eravamo in piena sicurezza e ben distanziati a tavola", poi "uno di loro ha alzato la serranda a metà. In quel momento è arrivata una pattuglia della polizia locale che ha parcheggiato poco distante (scopriremo poi mandati appositamente attraverso chiamata anonima) - racconta - alzo subito la serranda mentre dico a tutti che non vi è nulla di cui preoccuparsi e che l’accesso all’azienda non è interdetto e che in teoria potremmo anche lavorare seppur senza servizio al tavolo. A quel punto gli agenti sono entrati con fare inquisitorio".

Poi la solita trafila documenti, controlli e "i toni si sono un po’ alzati quando uno di loro ha iniziato la lezioncina morale dell’imprudenza e dell’irresponsabilità, Premetto che io ero l’unico senza mascherina ma lo scopo dell’incontro era parlare con i miei dipendenti e poi quando sono arrivati stavo finendo di mangiare ed ero in regola circa la distanza sociale di un metro" e si chiede "se la mascherina non è obbligatoria nei luoghi pubblici fatico a comprendere come lo possa essere in un luogo privato non aperto al pubblico. E qui è arrivato l’assurdo. A loro avviso, siccome la serranda non era chiusa del tutto, la mia attività era aperta al pubblico! Specifico che l’insegna era spenta e che tutto faceva capire che nessun cliente potesse entrare (c’erano i sacchi neri della spazzatura chiusi davanti all’entrata e le vetrine delle bibite spente.) Era palese la chiusura. Nessuno aveva la divisa da lavoro, ne i cuochi ne il personale di sala - infine - mi sono beccato i 400 euro di multa, pregando che nessuno dei dipendenti venisse sanzionato per qualsiasi assurda ragione. Non vi dico la paura, lo sconforto e la rabbia che ho visto nei loro occhi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non sono nemmeno arrabbiato con i due agenti - sottoliena l'ex grillino - la loro azione è figlia delle direttive che ricevono e del clima che si è creato in questo paese (chiamata anonima di un vicino) orchestrato magistralmente da chi ci governa per metterci gli uni contro gli altri e per gettarci addosso sospetto e responsabilità che non abbiamo, mentre loro, veri responsabili di questa disastrosa gestione dell’emergenza sanitaria ed economica, (ospedali veicolo di contagio, RSA non isolate, mancanza di presidi, protocolli sbagliati, azioni tardive e assenza di aiuti) passano per i salvatori della patria vedendo aumentare i loro consensi e le loro ambizioni di carriera. Mala tempora currunt", conclude Favia. 

Leggi anche: 

Bollettino Coronavirus Emilia Romagna, 108 nuovi casi: "Epidemia pienamente controllata"

Coronavirus, la situazione a Bologna e provincia: +38 contagi e 8 morti 

Impianti sportivi, la Regione apre ma arriva lo stop del Comune

Coronavirus, il caffè al bar è d'asporto: "Incongruenze, ci vorrebbe più elasticità" | VIDEO

Coronavirus, come usare le mascherine: il tutorial del Ministero | VIDEO

Come si viaggia in fase 2: a bordo di un autobus Tper a Bologna | VIDEO

Covid-19, 'fase 2': cosa è aperto e cosa resta ancora chiuso

VIDEO | Primo giorno - Fase 2: pomeriggio assolato, pienone ai Giardini

Covid-19, fase 2: ecco il nuovo modello di autocertificazione. Scaricalo qui

Coronavirus, fase 2 anche per gli ospedali: al via le prime prestazioni non urgenti

Farmaci e spesa a casa, aiuti alimentari, supporto anziani e persone fragili: servizi attivi e numeri utili

Coronavirus e consegne a domicilio: segnala a BolognaToday la tua attività!

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Matrimonio Elettra Lamborghini: tutti i dettagli della cerimonia a poche ore dal 'si'

  • Matrimonio da favola per Elettra Lamborghini: gli abiti da sposa, la torta e i fuochi d'artificio / LE FOTO

  • Pianoro, morto il 17enne coinvolto nell'incidente auto-moto

  • Coronavirus, altri 4 studenti positivi in 4 scuole: 78 in quarantena

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • I Portici di Bologna sui barattoli di Nutella

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento