Coronavirus, lite nei supermercati per le mascherine

In entrambi gli episodi due clienti si erano rifiutati di indossare i dispositivi di protezione

FOTO DI REPERTORIO

Nel pomeriggio di ieri, a Imola, i militari del Nucleo radiomobile sono dovuti intervenire in due supermercati diversi per dirimere delle liti scoppiate per questioni attinenti il rispetto delle norme per il contenimento del coronavirus. Dapprima all’interno del centro commerciale “Leonardo”, dove un 38enne aveva iniziato una lite accesa col personale del centro e con alcuni clienti perché rifiutava di indossare la mascherina per accedere all’interno del complesso.

Alla vista dei militari, l’uomo ha rivolto la sua rabbia verso i carabinieri, apostrofandoli con frasi ingiuriose, comportamento che gli è costato una denuncia per resistenza e oltraggio, oltre alla contravvenzione per violazione delle norme anticontagio. Scena simile all’interno di un supermercato, dove una pensionata di 76 anni, essendosi rifiutata di indossare la mascherina ed i guanti, ha costretto i dipendenti a chiamare il “112”. Anche in questo caso, invece di ridursi a più miti consigli, l’anziana ha insultato i carabinieri, con conseguente denuncia anche per lei e contravvenzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Coronavirus, i casi del 13 gennaio: calano i contagi a Bologna e in Emilia-Romagna

Torna su
BolognaToday è in caricamento