Coronavirus, mascherine e tute in Emilia-Romagna: "Da tre giorni quantitativi sufficienti"

Ieri distribuiti oltre 450 mila dispositivi di protezione individuale: "Grazie all'incessante lavoro di reclutamento e distribuzione da parte della Protezione civile nazionale, regionale e con il supporto delle Forze di Polizia"

Consegna della mascherine da parte delle Forze dell'ordine alla Protezione civile regionale

In Emilia-Romagna arrivano altri dispositivi di protezione individuale – mascherine, guanti, tute - grazie a un incessante lavoro di collaborazione tra Dipartimento nazionale e Agenzia regionale di Protezione civile e Forze dell’ordine.

“Negli ultimi tre giorni riusciamo ad avere i quantitativi sufficienti per i bisogni socio-sanitari dell’Emilia-Romagna- spiegano gli assessori regionali alla Sanità, Raffaele Donini, e alla Protezione civile, Irene Priolo-. Tra i 400-500 mila Dpi al giorno, quantitativo in questo momento necessario per mantenere in sicurezza medici, infermieri e personale socio-sanitario della nostra regione, con un fabbisogno che è via via cresciuto”.

“Solo ieri, attraverso la nostra Protezione civile regionale, che ringraziamo per il lavoro straordinario che sta mettendo in campo dall’inizio dell’emergenza anche attraverso competenze senza precedenti a livello internazionale, abbiamo distribuito più di 450 mila mascherine- affermano Donini e Priolo-.  E abbiamo avviato in supporto alla sanità una distribuzione diretta dei dispositivi anche al personale delle Asp, delle case protette e ai medici di base, obiettivo altrettanto prioritario”.

“Ora è necessario che questo sistema, che ha avuto un rinnovato impulso grazie anche al Commissario nazionale, si strutturi e garantisca queste forniture in modo costante e sicuro. Abbiamo bisogno che le persone coinvolte, dai tecnici della Protezione civile nazionale e regionale ai collaboratori delle Forze dell’ordine, proseguano in questo incessante lavoro di squadra- chiudono Donini e Priolo-: siamo operativi giorno e notte perché medici, infermieri, farmacisti, operatori sanitari, medici di famiglia e chiunque sia ogni giorno in prima linea a combattere il virus possa agire in condizioni di sicurezza”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento