Coronavirus, Ozzano: il sindaco chiude cimiteri, orti comunali e 'sbarra' i campi da calcio

Duri i provvedimenti del sindaco Lelli: "Dobbiamo tutelare i cittadini, tolti come in altri comuni anche i canestri dai campetti di basket"

Chiusi i cimiteri, gli orti comunali e 'sbarrate' le porte dei campi da calcio per evitare assembramenti. E' questa la nuova decisione del sindaco di Ozzano Luca Lelli, messa nero su bianco in un'ordinanza valida fino al 25 marzo, in concomitanza con il  nuovo decreto del Governo. Decreto che tenta di arginare il dilagare dle Coronavirus.

"Abbiamo notato che cimiteri e orti comunali erano 'troppo' affollati e quindi ho preso una decisione drastica, difficile, ma doverosa per tutelare la salute pubblica - spiega a BolognaToday il sindaco Luca Lelli -  Così come successo in altri Comuni ho tolto i canestri da basket nei campetti dedicati e soprattutto abbiamo sbarrato con dei nastri le porte di tutti i campi da calcio. Dobbiamo stare a casa, e uscire solo se strettamente necessario".

Da questa mattina inoltre, la Polizia Locale ha iniziato a girare in tutto il territorio, diffondendo un audio messaggio del sindaco. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento