Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Coronavirus, il sindacato di polizia penitenziaria: "Più postazioni per i colloqui Skype"

Per il personale di Polizia penitenziaria la gestione delle telefonate è difficoltosa perché il numero delle linee telefoniche non sono sufficienti

Il sindacato nazionale autonomo polizia penitenziaria (Sinappe) scrive alla direttrice della Casa Circondariale Dozza, Claudia Clementi, per incrementare le postazioni Skype utilizzate per i video-colloqui con i detenuti.

"Pur apprezzando la concessione di telefonate straordinarie - si legge nella nota - dirette alla popolazione detenuta, al fine di contenere eventuali reazioni alle limitazioni dei colloqui familiari, come da indicazioni per il contenimento del Covid – 19, il personale di Polizia penitenziaria ha rilevato la difficoltà nella gestione delle telefonate stesse, in quanto il numero delle linee telefoniche, attualmente a disposizione, parrebbero non sufficienti a supportare l'incremento delle suddette telefonate. Si chiede la verifica di tale situazione e, eventualmente, la risoluzione della stessa. Allo stesso modo, si chiede l'incremento di postazioni Skype, per effettuare i video- colloqui".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il sindacato di polizia penitenziaria: "Più postazioni per i colloqui Skype"

BolognaToday è in caricamento