rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Coronavirus, malumori e tensioni nelle aziende aperte: lavoratori chiedono più sicurezza

"Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti ai lavoratori non vengono forniti gli strumenti minimi di protezione individuale, e sono poche le aziende che sanificano gli ambienti di lavoro", è la denuncia di Usb

Usb chiama i lavoratori alla mobilitazione con l'apertura delle attività produttive "utilizzando le forme di lotta più opportune, compreso lo sciopero per difendere l'incolumità e il salario dei lavoratori".

Il sindacato di base se la prende in particolare con Confindustria, che avrebbe fatto pressioni al governo perché non fermasse gli stabilimenti produttivi. "Il governo Conte si è piegato a Confindustria che continua ostinatamente a imporre l'apertura di tutti i settori produttivi compresi quelli non essenziali. Di nuovo questa classe dirigente senza scrupoli antepone il profitto alla salvaguardia della salute e della sicurezza dei lavoratori e del paese", attacca Usb.

"Sebbene il governo abbia dichiarato l'Italia zona protetta, si scopre che rimarranno aperte, le industrie, le banche, le compagnie della logistica e buona parte degli uffici pubblici. Ossia milioni di lavoratori continueranno ad essere costretti ad andare a lavorare mentre c'è un'epidemia in corso", protesta il sindacato di base.

Oltretutto, "nei decreti governativi mancano delle disposizioni e degli obblighi chiari e dettagliati per i datori di lavoro, sia per rispettare i requisiti di sicurezza e sia per ridurre il numero dei lavoratori 'circolanti'. Nella stragrande maggioranza dei casi, infatti ai lavoratori non vengono forniti gli strumenti minimi di protezione individuale, e sono poche le aziende che sanificano gli ambienti di lavoro", è la denuncia di Usb.

"Per affrontare questa emergenza occorrono misure drastiche e che salvaguardino la salute e il salario dei lavoratori, pertanto abbiamo richiesto: il blocco temporaneo di tutte le attività produttive ad eccezione di quelle strettamente collegate alla lotta della pandemia, l'utilizzo degli ammortizzatori sociali e con l'integrazione piena del salario l'adozione di tutte le misure necessarie corrispondenti ai livelli di rischio legato alle specifiche situazioni lavorative", scandisce la sigla. (Vor/ Dire)

Coronavirus: si passa da epidemia a pandemia, cosa cambia

Coronavirus, il punto di oggi della Regione Emilia-Romagna. Un morto a Medicina?

In giro nonostante decreto e divieti: nove denunce

Coronavirus, babysitter e colf gratis per operatori sanitari

"Insieme si può: l'Emilia-Romagna contro il coronavirus": ecco l'Iban dedicato

Coronavirus: stop voli da e per l'Italia, paese off-limits

Coronavirus, al Sant'Orsola task-force tamponi: sospese le visite programmate

Coronavirus, solidarietà digitale: dove vedere film, serie e contenuti gratis

Coronavirus: al via il progetto 'live' di Bimbo Tu per i bambini ricoverati

Decreto Coronavirus, controlli in stazione: prime denunce 

Coronavirus, cosa si può e cosa non si può fare: vademecum 

Coronavirus, tutte le modifiche alle linee bus Tper

La scuola ai tempi del coronavirus, la Divina Commedia online | VI DEO

Coronavirus, tutta Italia diventa "zona protetta": spostamenti vietati, cosa cambia 

Coronavirus, autocertificazione: scarica il modulo, chi può spostarsi 

Coronavirus, un gruppo Facebook per offrire e chiedere aiuto: "Siamo in isolamento, ma non siamo

Coronavirus, Bonaccini e Venturi: "Limitate i contatti, state in casa e uscite poco" | VIDEO 

Coronavirus: 5 raccomandazioni igieniche per cani e gatti

Pizze sospese per medici e operatori sanitari: "Venite qui, ve le offriam o noi"


Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, malumori e tensioni nelle aziende aperte: lavoratori chiedono più sicurezza

BolognaToday è in caricamento