Da Valsamoggia i ventilatori per le terapie intensive: "Uomini dell'esercito in aiuto e nuovo personale da assumere"

L'INTERVISTA al presidente della Siare Engineering: "Dobbiamo portare la produzione da 280 pezzi al mese a 500. E fare in fretta, servono straordinari e nessuno si è tirato indietro. Orgogliosi di poter fare qualcosa di utile"

Giuseppe Preziosa

La Siare Engineering, che ha sede in Valsamoggia, è una delle quattro aziende in Europa (al mondo sono una decina in tutto) e l'unica in Italia in grado di produrre, oltre a macchinari vari per la terapia intensiva, anche quei ventilatori polmonari tanto preziosi per la gestione dell'emergenza sanitaria che stiamo vivendo a causa del propagarsi del Coronavirus

A fondarla il 10 aprile del 1974 l'attuale presidente Giuseppe Preziosa con lo scopo, come lui stesso racconta: "Di costruire apparecchiature studiate da noi, sulla base di ricerca scientifica e sviluppo di tecnologie mediche di altissimo livello". Dunque tutte brevettate all'interno dello stabilimento di Crespellano - Valsamoggia? "Certamente. All'interno di una nicchia di mercato, quella delle terapie intensive, con una media di 35 mila pezzi prodotti ogni anno e venduti in 61 paesi. Con la consapecolezza che migliorare costantemente i nostri prodotti significa migliorare la vita dei pazienti e la qualità della loro assistenza sanitaria".

E adesso la vostra produzione è stata totalmente assorbita dalle necessità del nostro territorio nazionele? "Avevamo 320 macchine già vendute e pronte per essere consegnate in Vietnam, India, Corea e Filippine, ma invece di spedirle le abbiamo distribuite negli ospedali di tre regioni: Lombardia, Piemonte ed Emilia-Romagna". 

L'azienda, essendo appunto l'unica in Italia a produrre questi macchinari, è stata l'affidataria da parte del nostro Governo per la fornitura alle strutture ospedaliere e per questo dalla prossima settimana verranno in soccorso dei dipendenti 30 fra i migliori uomini dell'Esercito Italiano. "Arriveranno lunedì e dopo un paio di giorni di formazione e di affiancamento cominceranno a lavorare - spiega Preziosa riferendosi ai 30 soldati - Si tratta di tecnici specializzati che si mettono così al servizio della sanità nazionale". 

Dunque avete perso molte vendite e avete messo come priorità assoluta la produzione per l'Italia? "Non sa quanti ordini cestino ogni giorno. Senza contare le commesse già pagate che non abbiamo consegnato dando, certamente, i ventilatori polmonari ai nostri ospedali. Avremo perso dei clienti certo, ma siamo orgogliosi di poter aiutare il nostro paese e adesso stiamo lavorando sodo, tutti quanti. MA ringraziamo coloro che avranno pazienza e ci aspetteranno". 

Carabinieri: "Evitare comportamenti irresponsabili" | VIDEO

Quanti siete in azienda? Quanto dovrà crescere la produzione? "Siamo 35 in tutto, più che un'azienda una famiglia, un gruppo di amici. Nessuno si è tirato indietro e per la prima volta chiedo ai dipendenti di fare gli straordinari perchè adesso dobbiamo portare la produzione da 280 pezzi al mese a 500. Stiamo cercando di farci mandare la materia prima il più in fretta possibile per poter accelerare i procedimenti". 

Avrete bisogno anche di nuovo personale quindi? "Cerchiamo dei softwaristi abilitati in linguaggio C++, ma ci sono tanti altri posti vacanti e contiamo di assumere una ventina di persone entro luglio. Recentemente abbiamo assunto quattro persone e abbiamo ancora necessità per esempio di tecnici per l'assistenza e agenti esteri". 

Siaretron4000-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento