rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024

"Convergere per insorgere": il corteo No Passante invade Bologna e blocca la tangenziale | VIDEO

La grande manifestazione ha visto la partecipazione di decine di migliaia di persone: diritti, lavoro e giustizia climatica le rivendicazioni dei manifestanti

Dal microfono principale si sente parlare di lotta di classe e coscienza popolare, le sigle a partecipare sono tantissime e le persone sono decine migliaia. È “Convergere per insorgere”, il corteo che ha portato per le strade di Bologna decine di migliaia di persone – oltre 30mila per gli organizzatori, meno per le forze dell’ordine – che hanno manifestato per diritti sociali, lavoro, casa ed emergenza climatica. Al centro della grande mobilitazione il contestato Passante di Mezzo: un investimento da oltre due miliardi di euro che, secondo i manifestanti, non farà che peggiorare ulteriormente la già critica situazione dell'inquinamento atmosferico.

Il corteo, partito verso le ore 16 da piazza XX Settembre, si è riversato sui viali per poi imboccare via Stalingrado. Da lì i manifestanti sono arrivati fino allo svincolo per la tangenziale, all'altezza di Parco Nord, e vi hanno fatto il loro ingresso all'altezza dell'uscita 7. Nonostante il preventivo blocco dalle forze dell'ordine sia della tangenziale sia dell'adiacente tratto di A14, la grande mobilitazione ha comunque avuto pesanti ricadute sul traffico circostante. Prima di lasciarla, alcuni partecipanti del corteo hanno provato a bloccare la tangenziale con una murata di pallet di legno e con una scultura temporanea raffigurante la Terra, quest'ultima data poi alle fiamme. La manifestazione è infine tornata in piazza XX Settembre attorno alle ore 19.30, dove si è conclusa con un momento musicale a cura di Davide Panizza, voce e fondatore del gruppo PoP X.

"Convergere per insorgere", le voci dal corteo

Assemblea No Passante, GKN, Rete per la Sovranità Alimentare e Fridays for Future le sigle che hanno indetto la manifestazione. Diverse tra loro, sì, ma coordinate per una lotta comune: “Lo striscione in testa al corteo recita ‘Fine del mese e fine del mondo: stessa lotta’ – dice Luca Tassinari dell’assemblea ‘No Passante’ –. Il senso è proprio questo: le lotte sociali e le lotte ambientali sono la stessa cosa. Un’unica lotta nella quale dobbiamo continuare a convergere”. 

“Oggi protestiamo per tutto – dice Marco Palma di ‘Bologna for Climate Justice’ - ma la questione da cui partiamo è la realizzazione del Passante di Mezzo. Il sindaco di Bologna l’ha definita l’opera simbolo della transizione ecologica, noi invece crediamo che sia l’ennesima opera che peggiora ulteriormente il cambiamento climatico e il riscaldamento globale. Per questo ci opponiamo”.

Corteo 'convergere per insorgere' in Tangenziale: uscite chiuse, traffico in tilt

Situazione traffico corteo Bologna: chiusure Tangenziale e A14, traffico in tilt

Riaperte poco dopo le 19 il tratto autostradale, mentre poco più tardi anche quello della tangenziale. Inevitabili le pesantissime ricadute sul traffico automobilistico del rientro, in certa misura anche un obiettivo del corteo di oggi. Fino a sera inoltrata tutta l'area a scorrimento della città è stata ingolfata dalle auto, che dall'uscita 5 hanno cercato di attraversare la città raggiungendo i viali di circonvallazione.

taffico post corteo-2

taffico post corteo riapert-2

Video popolari

"Convergere per insorgere": il corteo No Passante invade Bologna e blocca la tangenziale | VIDEO

BolognaToday è in caricamento