Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Zona Universitaria / Piazza Giuseppe Verdi

#SocialStrike, il corteo dei collettivi blocca il traffico: "Non trattiamo con i tromboni"

Come annunciato sui social network, un corteo a conclusione della giornata di mobilitazione transnazionale: problemi al traffico e viali bloccati. Ieri mattina occupato l'ex convitto di via Zanolini

Avevano lanciato la giornata di mobilitazione transnazionale sui social network. 'La vendetta di Photinia', così l'hanno chiamata, è iniziata lunedì  pomeriggio con il blocco dei bus in centro contro il caro-trasporti. Martedì mattina hanno occupato l'ex convitto religioso del civico 40 di via Zanolini.

La concentrazione alle 18 in Piazza Verdi contro il caro-mensa, l'uso dei prodotti Granarolo, con la testimonianza di un lavoratore, e i "tromboni" delle istituzioni che approvano all'unanimità ordini del giorno contro gli studenti.

Una sfilata pacifica, scandita da slogan sul social strike, morti di Lampedusa e propositi di vendetta sociale, accompagnata da musica dal vivo. (GUARDA IL VIDEO).

Un corteo che anticipa la grande mobilitazione del 19 ottobre a Roma dove "saremo con i No Tav, i No Muos e con i migranti". Nessun agente o carabiniere in tenuta antisommossa, nè camionette a scortare la manifestazione: "Non ci sono, li abbiamo mandati indietro, non abbiamo la scorta in divisa" si grida dal megafono ricordando i tafferugli e le barricate contro le forze dell'ordine nel mese di giugno. E poi il ritorno di Photinia al centro della Piazza, non un'aiuola questa volta, ma un vaso: "Il primo settembre, mentre eravamo in Valsusa, il Sindaco Merola ha fatto rimuovere l'abero" (GUARDA IL VIDEO).

Alla protesta si aggiunge anche il collettivo  'Hobo' che in mattinata aveva tolto i sigilli all'aula della facoltà di Psicologia sequestrata: "Dionigi rettore dimezzato, nelle interviste si pone come di sinistra e poi gestisce i servizi universitari con la sua governance" (GUARDA IL VIDEO). Infatti gli studenti con la maschera di Anonymous lasciano scritte sul portone del Rettorato al civico 33 di via Zamboni: 'Dissequestriamo i saperi, social strike'.

Corteo collettivi dalla Zona U al blocco dei viali: 'Riprendiamoci gli spazi'

Uno stop davanti alla mensa universitaria di Piazza Puntoni: la parola a uno dei addetti alla logistica che lavorano per la Granarolo, da mesi in stato di agitazione che lancia il boicottaggio del latte utilizzato in mensa.

Il corteo si è riversato anche sui viali in Porta San Donato, con qualche blocco del traffico, per raggiungere lo studentato occupato Taksim, in via Zanolini n. 40, poi ci è tornato causando un altro breve blocco a porta San Vitale (GUARDA IL VIDEO). Da questo punto in poi, la manifestazione è stata scortata dalla Municipale fino alle Due Torri dove, per permettere al furgone in testa al corteo di proseguire e tornare nella zona universitaria, aprendo il blocco mobile che tutela l'ingresso a traffico limitato di via Zamboni.

Sotto le Torri, l'esperienza di un immigrato, sopravvissuto a uno sbarco a Lampedusa, e graffiti sui pannelli di un cantiere (GUARDA IL VIDEO). La manifestazione, è terminata poco dopo le 20 in piazza Verdi.

Gli attivisti hanno dato appuntamento a sabato mattina alla stazione di Bologna, per raggiungere in treno Roma con biglietti a prezzo ridotto ottenuti, secondo i collettivi, da Trenitalia a 15 euro andata e ritorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#SocialStrike, il corteo dei collettivi blocca il traffico: "Non trattiamo con i tromboni"
BolognaToday è in caricamento