rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Cronaca Corticella-Dozza / Via di Corticella

"Dammi i soldi" poi picchia il negoziante e manda in frantumi la vetrina

E' stato arrestato per tentata rapina, dopo aver perso la testa dentro il negozio

Chiedeva denaro e quando si sono rifiutati è andato su tutte le furie. E' accaduto poco prima delle 20 di sabato 17 settembre all'interno di un negozio di telefonia di via Corticella. 

Il 113 è stato allertato da un commesso e quando gli agenti delle volanti sono arrivati hanno visto due persone che litigavano, un italiano di 50 anni e un cittadino bengalese di 40. 

Dalla ricostruzione è emerso che poco prima era entrata una ragazza per lasciare un telefono in riparazione lasciando anche 20 euro per caparra. Dopo pochi minuti il 50enne è rientrato in compagnia della cliente, pretendendo che si facesse dare indietro telefono e i soldi.

Al rifiuto della donna, l'uomo ha minacciato il titolare per farsi consegnare il denaro, poi ha perso completamente la testa e come una furia ha mandato la vetrina e danneggiato alcuni telefoni. 

Ma non era finita, quando il titolare ha cercato di fermarlo è stato preso a pugni. Il 50enne, con numerosi precedenti e ubriaco, è stato tratto in arresto per tentata rapina.

Qualche giorno fa, un uomo era entrato in un minimarket, gestito da una coppia di bengalesi, aveva rubato 400 euro dalla cassa, poi aveva preso a bastonate il titolare, causandogli la frattura del gomito.

Ruba all'Esselunga poi picchia la vigilante: arrestata 

Rapina degenera: aggredito con cocci di bottiglia, 42enne in ospedale 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dammi i soldi" poi picchia il negoziante e manda in frantumi la vetrina

BolognaToday è in caricamento