Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Prostituzione nel centro olistico di Corticella: due donne nei guai, locali sequestrati | VIDEO

Clienti tutti di sesso maschile e recensioni sui siti web: dopo un'indagine durata un paio di mesi, la Polizia è intervenuta

 

Erano tutti di sesso maschile i clienti di un centro olistico di Corticella che "avrebbe" dovuto offrire massaggi e altre attività di estetista per il benessere fisico della persona, ma dove, secondo quando ricostruito dalla Squadra mobile, si svolgeva anche attività sessuale a pagamento. La Polizia ha così sottoposto a sequestro preventivo il centro per sospetto esercizio di casa di prostituzione.

Nel corso di un’indagine, che si è protratta per alcuni mesi, la Squadra Mobile, coordinata dalla sostituta procuratrice Gabriella Tavano, ha ricostruito le attività di "una vera e propria casa di prostituzione", svolta all’interno del centro massaggi, gestito da due cittadine romene di 31 e 33 anni attualmente indagate e con precedenti per reati in materia di prostituzione. 
Soprattutto attraverso le informazioni dei clienti del centro olistico, gli inquirenti hanno verificato che in quel luogo, dove si sarebbero dovute effettuare attività di estetista dirette al benessere fisico della persona, ai clienti, tutti di sesso maschile, veniva proposta ed effettuata una particoalre forma di massaggio "hot". 

Dagli accertamenti sarebbe emerso che lo “studio olistico" riceveva almeno una dozzina di clienti al giorno, per un prezzo tra le 70 e 90 euro a prestazione. 

Le donne (prevalentemente di nazionalità dell’Europa dell’est), impiegate nel centro “Studio Olistico Emme”, sono sette, di età compresa tra i 25 e i 35 anni.

Centro olistico nei guai per prostituzione: non solo massaggi relax 

Come rivelato anche da varie recensioni su appositi siti web e dalle testimonianze dei frequentatori, il massaggio sarebbe stato pagato in parte con regolare ricevuta e in parte "in nero", per separare la prestazione relax dall'attività sessuale a pagamento.
Secondo quanto ricostruiscono gli investicatori, il saldo sarebbe stato versato sia alla donna che effettuava la prestazione che alla reception: tale modalità dimostrerebbe come una quota del compenso per le attività di prostituzione andasse alla gestione del centro massaggi.

Spaccio, prostituzione e riti di affiliazione violenti: maxi-operazione anti-mafia, 52 arresti 

Prostituzione e schiavitù in via Bentini: coppia in manette

Potrebbe Interessarti

Torna su
BolognaToday è in caricamento