Cronaca

Cotabo ricorda Lucio Dalla: la sua musica sui taxi

Sulle auto “brandizzate” sarà trasmessa una selezione di brani del cantautore. Il presidente Carboni: Lucio Dalla aveva in comune con i tassisti il grande amore per Bologna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BolognaToday

Cotabo è sponsor del progetto A Casa di Lucio va in città, in programma il 2, 3 e 4 marzo, per commemorare il quinto anniversario della scomparsa di Lucio Dalla. In quei giorni, grazie a diverse installazioni, risuonerà la musica di Lucio e si renderà evidente la sua presenza nei luoghi che gli sono stati cari. Cotabo ha collaborato con gli organizzatori della manifestazione, per dare un contributo al ricordo di Lucio Dalla. Da domani alcuni taxi saranno "brandizzati" con le grafiche dell'evento. Inoltre, i tassisti che aderiranno all'iniziativa, trasmetteranno a bordo dei taxi una selezione di brani di Lucio Dalla e faranno da ambasciatori del progetto A Casa di Lucio, raccontandolo ai clienti. Il programma completo dell'iniziativa è disponibile sul sito www.acasadilucio.it "Nel corso di questi anni abbiamo partecipato a diverse iniziative per rendere omaggio alla memoria di un grande artista, quale è stato Lucio Dalla - commenta Riccardo Carboni, presidente di Cotabo - Lucio Dalla aveva in comune con i tassisti, il grande amore per Bologna. Ha contribuito a far conoscere la nostra città in tutto il mondo. Le sue canzoni e la sua musica ci hanno resi migliori, hanno reso migliore il nostro territorio, qualificandolo sempre più come un polo artistico, culturale e musicale di attrattiva internazionale. Dobbiamo gratitudine a Lucio - conclude Carboni - per questo suo contributo. Il ringraziamento dei tassisti bolognesi sta nel sostenere i tanti progetti che, anche nei prossimi anni, preserveranno la memoria di Dalla".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cotabo ricorda Lucio Dalla: la sua musica sui taxi

BolognaToday è in caricamento