rotate-mobile
Cronaca

Cinema si riparte: ecco come comportarsi nelle sale CCB

l Circuito Cinema Bologna ha reso noto un vademecum sugli accessi nelle sale e i provvedimenti adottati

Dopo lo stop dovuto all'emergenza sanitaria e alla pausa estiva, si torna al cinema al chiuso. Il Circuito Cinema Bologna - CCB ha reso noto un vademecum sugli accessi nelle sale, nel rispetto delle linee guida per contenere la diffusione del Covid-19, e i provvedimenti adottati. 

Tutte le sale sono fornite di una chiara e precisa cartellonistica per ricordare le norme anti-contagio da seguire.

  • Gli spettatori sono tenuti a igienizzare le mani e indossare la mascherina dal momento dell’ingresso al cinema, fino al raggiungimento del proprio posto in sala, come indicato sul biglietto, e a tenere la mascherina fino al termine della proiezione.
  • Tutte le sale di CCB hanno sedute numerate e i posti vengono assegnati al momento dell’acquisto del biglietto. Gli spettatori dovranno tassativamente accomodarsi nei posti assegnati e dovranno rigorosamente rispettare la propria seduta, senza cambiarla a spettacolo iniziato.
  • Il sistema aggiorna in tempo reale la disponibilità dei posti per consentire il distanziamento degli spettatori secondo le normative in vigore. Il sistema di cassa può assegnare posti congiunti ai componenti di uno stesso nucleo familiare.
  • Gli spettatori che acquistano il titolo d’ingresso online sono invitati a verificare con la massima attenzione la data e l’orario dello spettacolo scelto prima di concludere l’operazione di acquisto. I biglietti acquistati non possono essere sostituiti o rimborsati in conformità al Dlgs n. 185 del 22 maggio 1999.Il personale di sala garantirà l’afflusso e il deflusso ordinato del pubblico.
  • Il sistema di aria condizionata è stato adeguato alle nuove direttive in materia.

Cinema, teatri e spettacoli dal vivo: le regole

Cinema, teatri, spettacoli: al chiuso massimo 200 spettatori, mille all’aperto
Le linee guida – che valgono anche per circhi e set cinematografici - fissano una serie di regole a tutela del pubblico e degli operatori. Dal numero massimo di spettatori (200 per gli spettacoli al chiuso e mille per quelli all’aperto), agli accorgimenti per assicurare almeno 1 metro di distanza tra gli utenti, eccetto per nuclei familiari e conviventi. Potrà essere misurata la temperatura all’ingresso e, nel rispetto della privacy, dovrà essere tenuto un registro delle presenze per 14 giorni.
Dovrà essere inoltre indossata la mascherina quando ci si trova negli spazi comuni. L’uso promiscuo dei camerini è da evitare, salvo assicurare un adeguato distanziamento interpersonale unito alla pulizia delle superfici. Il personale (artisti, addetti a lavorazioni presso i laboratori di scenotecnica e sartoria, ecc.) dovrà indossare la mascherina quando l’attività non consente il rispetto del distanziamento interpersonale. Per la preparazione degli artisti, trucco e acconciatura, si applicano le indicazioni previste per i settori di riferimento. Gli oggetti eventualmente utilizzati per la scena devono essere manipolati dagli attori muniti di guanti e i costumi di scena dovranno essere individuali.
Oltre alle misure di carattere generale, vi sono norme destinate a tutelare specifiche discipline, prove comprese: dalle produzioni liriche e sinfoniche a quelle teatrali, fino alla danza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinema si riparte: ecco come comportarsi nelle sale CCB

BolognaToday è in caricamento