Concorsi pubblici, in Emilia-Romagna si potranno terminare a distanza

L’ordinanza regionale valida fino al 31 gennaio 2021

IMMAGINI DI REPERTORIO

I concorsi pubblici già avviati si potranno portare a termine con le prove orali svolte on line da remoto, anche per non escludere candidati eventualmente in isolamento preventivo o, se positivi, in quarantena. E’ quanto prevede l’ordinanza regionale firmata nel pomeriggio dal presidente Stefano Bonaccini, che chiarisce le modalità per completare le selezioni aperte da enti pubblici in Emilia-Romagna.

Nel caso di concorsi già banditi per i quali si debbano ancora svolgere nuove prove selettive o scritte, potranno essere realizzate in presenza in assoluta sicurezza nel rispetto dei protocolli sanitari in vigore.

Dunque, le procedure concorsuali pubbliche in essere possono proseguire anche in questa difficile fase epidemiologica, anche attraverso percorsi digitali a distanza.

L’ordinanza regionale aggiorna la materia anche alla luce di quanto stabilito dalle ultime disposizioni del Governo ed in vigore da oggi, venerdì 23 ottobre, fino al 31 gennaio 2021.

Dai 17 focolai nelle Cra, alla mascherina al banco consigliata agli alunni: Donini tira le somme sul contagio

Bollettino covid: +164 nuovi casi a Bologna, 888 in Regione. "Stabili i ricoveri nelle terapie intensive"

Test covid gratis in farmacia, a Bologna in tre giorni lo hanno fatto in 5mila

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

Torna su
BolognaToday è in caricamento