Contagi alla Tnt, Cgil: "Verifiche sanitarie in tutte le aziende della logistica"

La "maggioranza dei lavoratori del settore proviene da contesti sociali di particolare complessità"

Foto archivio

"Non si è fermato per il lockdown, ma ha intensificato le proprie attività di consegna a domicilio, inoltre è un settore ad alta intensità con uno spezzettamento di società diverse che operano nello stesso luogo (appalti e subbappalti)". Così, Cgil a conferma delle "preoccupazioni che avevamo espresso nei giorni scorsi sulla criticità di un settore come quello della logistica", in questo caso del magazzino Tnt di via Cristorforo Colombo, dove si sospetta un focolaio di covid.

Giacomo Stagni e Andrea Matteuzzi, rispettivamente della Cgil e della Filt-Cgil di Bologna, sottolineano la necessità di intensificare "i controlli e le verifiche sanitarie in tutte le aziende della logistica presenti nel nostro territorio. Per questo chiediamo a Asl e ispettorato di aumentare i propri interventi ispettivi al fine di isolare i contagiati e al fine di un rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza". Questa situazione, secondo gli esponenti Cgil, "ha bisogno del rigoroso rispetto delle regole da parte di tutti e anche le aziende devono fare uno sforzo straordinario per garantire gli interventi coerenti con i protocolli da parte di tutte le imprese operanti nei siti produttivi". Il sindacato pone anche l'argomento delle abitazioni, visto che la "maggioranza dei lavoratori del settore proviene da contesti sociali di particolare complessità".

A denunciare i nuovi contagi, come per il focolaio alla Bartolini, il sindacato di base Sì Cobas con un comunicato diffuso nella serata di ieri, 9 luglio. 

Solleva le stesse preoccupazioni la consigliera regionale M5s Silvia Piccinini. "Il nuovo focolaio all'interno di un'altra azienda legata al settore della logistica è la prova che in questo momento il virus trova terreno fertile in realtà dove le condizioni di lavoro sono a dir poco problematiche, molto spesso anche grazie ad un sistema di subappalti difficile da monitorare. Ecco perchè- secondo la consigliera- servono più controlli così come è necessario che la Regione prenda coscienza una volta per tutte che esiste un mondo del lavoro escluso da quel 'Patto' tante volte sbandierato dal presidente Bonaccini". (dire)

Leggi anche: 

Caccia al virus all'Interporto: al via sierologico e tamponi ai lavoratori a rischio

Focolaio Covid tra i facchini: "Noi, precari, ammalati e ora senza contratto"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento