Venerdì, 14 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il direttore del Ps del Maggiore: "Preoccupanti scene di Milano, ma anche qui a Bologna. Devono far riflettere"

Fa il punto sulla situazione il direttore del Pronto Soccorso, Vincenzo Bua, a margine del lancio della somministrazione di terapie monoclonali a pazienti Covid selezionati

A Bologna la pressione sugli ospedali cala, come si vede dall'andamento delle ultime settimane, ma non c'è ancora stabilità e il numero dei ricoveri covid, seppur basso, oscilla. Fa il punto sulla situazione il direttore del Pronto Soccorso del Maggiore, Vincenzo Bua, a margine del lancio della somministrazione di terapie monoclonali a pazienti Covid selezionati.

"La situazione è ancora abbastanza oscillante: un giorno abbiamo un calo importante – dice Bua –, il giorno dopo magari una lieve ripresa. Non c'è stabilità per ora. Certo, il range è molto più contenuto di quello di un mese fa, o 15 giorni fa, anche se da qui a un paio di settimane, comunque, dovremmo vedere gli effetti delle riaperture in corso. Viste le scene di piazza Duomo ieri a Milano, ma anche quelle di Bologna nell'ultimo periodo, come nel fine settimana scorso, mi sono molto preoccupato. Sono tutte cose che devono farci riflettere. Il virus c'è ancora, questo è un dato oggettivo".

"Abbiamo avuto una flessione di accessi di pazienti in questo periodo, il percorso Covid vede ogni giorno arruolare 10-12 pazienti contro i 30-40 di un mese fa, ad esempio. Di questi 10-12, più o meno il 50% richiede il ricovero. Abbiamo ridotto i numeri e la pressione sull'ospedale si è allentata, dunque, e anche per questo abbiamo potuto riconvertire reparti a disposizione dei pazienti non-Covid. Un anno fa avevamo avuto un crollo degli accessi di pazienti non-Covid, mentre quest'anno non è avvenuto. L'anno scorso infatti – puntualizza il direttore delle urgenze del Maggiore – i pazienti che avevano necessità di venire in Pronto Soccorso sono rimasti a casa, con complicanze in tutto il versante non-Covid. Quest'anno, le cose sono andate sicuramente meglio. Come tutto l'ospedale, il Pronto Soccorso si è adattato all'andamento della pandemia, dando spazio ai non-Covid e riducendo gli spazi Covid, in tutto il territorio in realtà".

Coronavirus, Viale: "Attenti all’India. Se non immunizziamo tutto il mondo non finirà mai"

Covid, al via terapia con anticorpi monoclonali per pazienti fragili e oncologici | VIDEO

Si parla di

Video popolari

Il direttore del Ps del Maggiore: "Preoccupanti scene di Milano, ma anche qui a Bologna. Devono far riflettere"

BolognaToday è in caricamento