Cronaca

"Covid nelle tubature": falso medico deruba anziana

Stratagemmi sempre più fantasiosi: l'emergenza sanitaria va per la maggiore

Gli stratagemmi per derubare persone fragili e anziani sono sempre più fantasiosi. Negli ultimi tempi, i truffatori si sono "specializzati" nei raggiri legati al covid. 

E' il caso di una 74enne che ieri, 3 settembre, ha aperto la porta a un sedicente medico, impegnato controlli "delle tubature per rilevare la presenza del coronavirus". 

Un uomo, con mascherina e atteggiamento professionale, è quindi entrato nell'appartamento dell'anziana, e, aggirandosi per le stanze, ha finto un sopralluogo. Quando ha ringraziato ed è uscito, la vittima si è accorta che mancavano tre fedi in oro che aveva appoggiato su un mobile. Ha contattato i familiari che hanno chiamato il 113.

Inps, domanda COVID-19 e installazione APP: "L'sms è una truffa"

Non si tratta del primo caso, anzi, i reati di truffa che utilizzano l'emergenza sanitaria sono in aumento: a fine luglio, diversi anziani hanno ricevuto telefonate di sedicenti figli o nipoti affetti dalla malattia. Anche Acer, l'azienda che gestisce gli alloggi popolari, ha messo in guardia contro le truffe delle finte sanificazioni, dopo varie segnalazioni. 

Le forze dell'ordine raccomandano ancora una volta di non aprire la porta o non dare credito a persone che non si qualificano: meglio farsi dare nome e cognome e accertarsi chiamando l'ente o l'azienda. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Covid nelle tubature": falso medico deruba anziana

BolognaToday è in caricamento