menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Focolaio covid alla Cra Venturini di Imola, la Lega attacca: "Leggerezze e gravi carenze"

Depositata anche un’interrogazione: “L’esecutivo ci dica se risultano ancora momenti di promiscuità dei dipendenti operanti su pazienti Covid e non Covid, come emerso da alcune testimonianze”

"Su 174 tamponi molecolari e 24 antigenici rapidi sono stati 36 i nuovi casi positivi registrati dall'Ausl di Imola, di cui 20 asintomatici e 16 sintomatici. 20 persone sono state individuate tramite tracciamento, 6 erano già isolate e 2 sono riferibili a focolai già noti". Questo l'ultimo bollettino covid a Imola. 

Il focolaio èche più desta preoccupazione è quello della CRA Ventuini, dove è anche deceduta una ospite della CRA Venturini, una 89enne di Fontanelice. 

“Leggerezze nella gestione del protocollo anti-Covid hanno influito sulla crescita esponenziale dei contagi all'interno della Cra Venturini? Nella struttura imolese si è scatenato un focolaio di violentissimo, con 65 ospiti e 18 operatori positivi e sei vittime". Ad attaccare è il consigliere regionale leghista Daniele Marchetti che invita la Regione a fare chiarezza sulla vicenda per individuare i responsabili. 

"Gravi carenze"

Marchetti ha depositato anche un’interrogazione: “L’esecutivo di via Aldo Moro ci dica quale sia il supporto a livello di personale, non solo medico, fornito alla CRA Venturini dall’Ausl e se risultano ancora momenti di promiscuità dei dipendenti operanti su pazienti Covid e non Covid, come emerso da alcune testimonianze” riferisce il leghista.
“Gravi carenze sono state denunciate anche a livello di fornitura di dispositivi di protezione personale, per questo attraverso l'atto ispettivo ho chiesto informazioni circa la tipologia dei DPI utilizzati e la frequenza dei rifornimenti”. 

"L'allarme sul peggioramento della situazione all'interno della struttura era stato lanciato tre settimane fa attraverso alcune mail inviate all'Asl da due dei tre medici che si occupavano degli anziani all’interno della casa residenziale che avevano evidenziato i problemi legati al trasferimento nella residenza di quattro pazienti dall'ospedale di Imola, tre dei quali risultati positivi. Nelle comunicazioni si faceva riferimento anche all’estrema carenza di risorse di personale e di DPI nonché alla promiscuità di infermieri e operatori sociosanitari fra i reparti - si legge nella nota di Marchetti - la stragrande maggioranza delle Cra imolesi è stata interessata da casi di positività da Covid, ma solo all'interno della Cra Venturini c'è stata una crescita così esponenziale dei casi. Questo indica che qualcosa di diverso è certamente accaduto in quella struttura” ha sottolineato Marchetti.

“Durante la Commissione Sanità del Comune di Imola, tenutasi ieri, il dottor Alberto Minardi, direttore del Distretto imolese nonché coordinatore del nucleo operativo che ora gestisce la struttura ha dichiarato, in risposta ad una mia domanda,  che sarebbero state commesse delle leggerezze all'interno di quella struttura e, successivamente, che le cosiddette bolle di protezione che dovrebbero essere previste, per non creare promiscuità sull'operato, sugli ingressi e sugli spogliatoi, non sono state applicate immediatamente - continua il leghista - il problema, stando a quanto emerso, sarebbero proprio queste leggerezze, che hanno comportato la morte di sei persone e 83 contagi. La Regione chiarisca come sia potuto succedere e quali figure siano state ritenute responsabili” conclude.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Fagottini di mortadella caprino, miele e pistacchio

social

Crostatina ai lamponi senza glutine: la ricetta di Ernst Knam

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento